Questo sito contribuisce all'audience di

Torino contro gli sprechi: dagli scarti alimentari un pranzo gratuito per 3mila persone

"Eating city - La città che mangia" è il nome dell'iniziativa, alla sua prima edizione. Un pranzo gratis per dire no agli sprechi alimentari

Condivisioni

Un pranzo gratis per 3000 persone a partire dagli scarti alimentari derivanti dal commercio in provincia di Torino e per dire no agli sprechi. Domenica 2 giugno la città di Torino festeggia così la Festa della Repubblica: la prima edizione del pranzo gratuito contro gli sprechi “Eating City, la città che mangia” sarà un momento di solidarietà, per ricordare in occasione di questa ricorrenza che tutti i cittadini hanno il diritto ad un piatto caldo. L’evento è organizzato da Risteco, in collaborazione con Last Minute Market, Coldiretti Piemonte, Cooperativa Nanà, Festival Cinemambiente, Auchan, Smat, Amiat, Iren Energia, Istituto Zooprofilattico, Sotral, Camst, Compass Group, Agrocompany, Ecozema e Glamoo.

LEGGI ANCHE: Non Sprecare cibo: dona i tuoi avanzi! Basta un click

Il pranzo, fino a esaurimento scorte, verrà allestito in piazza Vittorio Veneto e sarà realizzato partendo dagli scarti derivanti dal commercio alimentare (negli ipermercati e nei mercati rionali) della provincia di Torino. Si parte da un presupposto: la città mangia cibo ma anche il territorio necessario per produrlo. Da questa considerazione nasce il progetto Eating City, in cui ambiente, economia, salute e alimentazione si incontrano e si confrontano con l’obiettivo di rimettere l’uomo al centro del sistema agroalimentare.

SPESA SENZA SPRECHI: L’app Paniere Alimentare

In piazza ci sarà un talk show condotto da Patrizio Roversi con politici, imprenditori e leader sociali per parlare della Costituzione Italiana e della sua relazione con il lavoro dell’uomo, l’agricoltura e il cibo. Sempre in piazza verrà allestito un mercatino con oltre 50 produttori locali che ospiterà anche uno stand di Libera. La manifestazione è inserita all’interno dell’articolato programma degli Smart City Days.