Marcegaglia: «Ora anche lo Stato tiri la cinghia» | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Marcegaglia: «Ora anche lo Stato tiri la cinghia»

di Posted on
Condivisioni

Abbiamo tutti tirato la cinghia, cittadini e imprese. arrivato il momento che anche lo Stato faccia lo stesso, riducendo la spesa e gli sprechi. Lo ha detto la presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, ribadendo le posizioni gia’ espresse nei giorni scorsi a Parma. Le nostre richieste al governo – ha detto Marcegaglia, oggi a Fieramilano per l’apertura del Salone del mobile – sono in una logica di medio termine. Chiediamo – ha aggiunto sottolineando la necessita’ di una svolta e di scelte nette – di tagliare la spesa pubblica per trovare le risorse per investire in ricerca e innovazione, tagliare il fisco per dare potere d’acquisto. Sono necessari, ha concluso, impegni veri, concreti e non indeterminati, perche’ in un momento come questo in cui ci sono deboli segnali di ripresa non possiamo piu’ essere lasciati soli.

RIPENSAMENTO SUGLI INCENTIVI – La Marcegaglia ha poi chiesto un ripensamento al governo in materia di incentivi, perche’, a suo avviso, dal pacchetto deciso dall’esecutivo sono rimasti esclusi alcuni settori fondamentali. Il piano di incentivi del governo – ha osservato Marcegaglia – ha segnato una prima attenzione ad alcuni settori. Pero’ – ha avvertito la presidente di Confindustria – in un Paese che, per problemi di debito pubblico, non ha avuto di fatto un pacchetto di stimolo, i mezzi a disposizione sono pochi e soprattutto sono rimasti fuori alcuni settori fondamentali della nostra economia, come quello del mobile e dell’arredo. Quindi – ha continuato la leader degli industriali – noi chiediamo che ci sia un ripensamento, un’attenzione maggiore a questo settore che e’ fondamentale.