Questo sito contribuisce all'audience di

Italiani sostenibili solo se si risparmia

di Posted on
Condivisioni

Impatto zero? Si’, ma con riserva. Gli italiani accettano di confrontarsi con il tema della sostenibilita’, dichiarandosi pure disponibili ad agire conseguentemente. Tuttavia, il confine tra preoccupazione teorica e comportamento reale si allarga in funzione delle ragioni economiche: il comportamento virtuoso, in sostanza, e’ subordinato alla percezione molto concreta del risparmio.

Le soluzioni che garantiscono un taglio dei costi in bolletta sono accolte senza problemi: si spegne la luce uscendo da una stanza; si ripara il rubinetto quando perde; si utilizzano lampadine a basso consumo. Il discorso cambia quando le ragioni etiche configgono con quelle del portafogli, o comunque richiedono di modificare atteggiamenti gratificanti e consolidati. Alla comodita’ dell’automobile non si rinuncia, e le strategia di spesa non contemplano un esborso superiore a favore dell’acquisto di mezzi ecologici.

L’assenza di un’autentica cultura ambientale, d’altronde, si evince dalla contraddittorieta’ dei comportamenti quotidiani, dalla selettivita’ di certi automatismi. Si’ spegne il riscaldamento se la temperatura e’ troppo alta, ma non la tv quando non la si guarda, ne’ si chiude il rubinetto quando sarebbe opportuno farlo. Il compimento di alcuni semplici gesti pare ancora condizionato da disattenzioni che dicono molto su quanto sia approssimativa e incompiuta l’introiezione di certe regole.

In parte cio’ puo’ ricondursi a un problema di consapevolezza e informazione. I temi oggetto negli ultimi anni di maggiori investimenti comunicativi, infatti, hanno incontrato un riscontro decisamente incoraggiante presso l’opinione pubblica. E, aspetto ancora piu’ significativo, hanno saputo destare l’interesse e la partecipazione delle fasce piu’ giovani della popolazione.