Questo sito contribuisce all'audience di

Carta da indossare: i gioielli QuillyPaperDesign realizzati con la tecnica del quilling

Orecchini, bracciali, anelli e collane, realizzati a mano, con la carta: gioielli unici, perfetti per chi ama distinguersi per uno stile originale e creativo ma allo stesso tempo attento all'ambiente.

Condivisioni

QUILLYPAPERDEDIGN –

Recuperare e quindi non sprecare la carta avanzata in casa e quella che non serve più per trasformarla in originali gioielli fai da te: questo l’obiettivo di QuillyPaperDesign, il progetto portato avanti da Daniela Bonurelli Castellana, architetto e insegnante di Palermo, con la passione per la carta e la tecnica del quilling. Un interesse sviluppato a partire da un semplice libro regalato da Daniela alla propria bimba, in cui si spiegava come realizzare tanti simpatici lavoretti fai da te con la carta. Così, a poco a poco, la carta avanzata in casa ha cominciato a prendere la forma di splendidi orecchini, bracciali, anelli e collane.

LEGGI ANCHE: Ecco i gioielli creati attraverso il recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici

GIOIELLI DI CARTA REALIZZATI CON LA TECNICA DEL QUILLING –

Il progetto è nato nel 2013 con l’obiettivo di creare gioielli semplici ma originali, ecologici e alla portata di tutti e, allo stesso tempo, ridare nuova vita alla carta, un materiale molto versatile, anche se spesso sottovalutato.

Le creazioni QuillyPaperDesign sono caratterizzate da leggerezza e resistenza e ciò che le differenzia da tutte le altre è la sostenibilità e la manifattura artigianale da cui si ottengono pezzi unici e originali.

Accessori e gioielli adatti a tutti, in grado di valorizzare la persona che li indossa, in maniera creativa e attenta all’ambiente.

Nella gallery, le meravigliose creazioni di Daniela:

Il progetto è in concorso per l’edizione 2015 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui! 

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

PER APPROFONDIRE: I bracciali con materiali di riciclo della nostra lettrice Mrs Bric