Questo sito contribuisce all'audience di

Il caso di Modena e la foresta anti-inquinamento.

di Posted on
Condivisioni

MODENA – L’amministrazione provinciale di Modena si e’ comprata un pezzo di foresta tropicale in Costarica. Un “trucco”, secondo la procura della Corte dei Conti, per compensare con i “crediti ecologici” del protocollo di Kyoto “il mantenimento di un livello piu’ elevato di inquinamento in ambito locale”.

Le procedure previste dal protocollo sono ancora tutte da decifrare, potrebbero indurre Stati o imprese inquinanti a “nascondere” oltre il dovuto le proprie emissioni sotto il tappeto di progetti e finanziamenti ai paesi piu’ “puliti” del Terzo Mondo, come temono i critici dell’accordo di Kyoto. La Provincia di Modena ogni tanto manda Oltreoceano le proprie guardie ecologiche, che hanno preso pure dei premi, per controllare e custodire la lussureggiante foresta di Dona Karen. A Modena e’ arrivato in vista ufficiale persino il viceministro costaricano Jorge Rodriguez, ma la Procura contabile di Bologna non ci vede chiaro. Accusa la Provincia di aver speso male i soldi pubblici e chiede di risarcire il danno fatto ai cittadini: l’aria pura del Costarica non arriva ai modenesi. Richiede 26 mila euro: 20 mila serviti per pagare cento ettari di alberi, 6 mila per le spese sostenute nel viaggio inaugurale, con seguito di giornalisti.

un risvolto contabile di una vicenda che coinvolge i paesi di tutto il mondo, ma anche imprese, associazioni, singoli, nella lotta all’effetto serra. La Provincia di Modena nel 2003 si e’ inserita in questa battaglia per la salvezza del pianeta, ma da prima della classe che voleva fare una bella figura mondiale, si vede ora rimproverare di non badare alla difesa ambientale locale. Per il pm contabile Paolo Novelli, la procedura seguita e’, per cominciare, del tutto sbagliata e amministratori e funzionari hanno collezionato una serie di pasticci. La Provincia non poteva dare come contributo il denaro all’Associacion Ecologica de Paquera Lepanto y Cobano, che in Italia non e’ riconosciuta. Quel denaro era stato messo in un capitolo di spesa definito “Acquisto di foresta tropicale”, poi pero’ e’ finito in mezzo a “contributi qualificazione aree protette Provincia di Modena”. Questo andirivieni nasconderebbe per la Procura il fatto che il contributo non e’ stato messo a bando, perche’ rischiava cosi’ di non arrivare alle Guardie ecologiche, garanti del “progetto Costarica”.

Gli avvocati dei funzionari della Provincia sostengono che “la tutela delle foreste, anche a livello internazionale, assicura la salvaguardia del clima terrestre, con conseguente beneficio di tutti gli abitanti della Terra compresi quelli della Provincia di Modena”. Il procuratore replica invece che “la comunita’ modenese avrebbe pagato quel beneficio mantenendo un livello piu’ elevato di emissioni inquinanti, una minore conservazione del patrimonio ambientale locale”. Un danno “specifico” contro “un generico beneficio mondiale”, ottenuto con una procedura “nemmeno conforme al protocollo di Kyoto”.