Questo sito contribuisce all'audience di

Europe Saves Food: la piattaforma per una raccolta alimentare etica e innovativa

Il progetto che sviluppa un sito internet per la raccolta e la distribuzione delle eccedenze alimentari a favore delle Onlus.

di Posted on
Condivisioni

EUROPE SAVES FOOD –

E’ possibile creare un nuovo equilibrio tra domanda e offerta di alimenti, in un contesto in cui una parte delle risorse passa sotto la connotazione di “eccedenze” e successivamente di “spreco” alimentare? Il progetto Europe Saves Food risponde a tale quesito, articolando una proposta innovativa basata sulle opportunità e i collegamenti che internet offre.

riduzione spreco alimentare 1

LEGGI ANCHE: In Spagna i frigoriferi solidali per contrastare lo spreco di cibo

COME FUNZIONA EUROPE SAVES FOOD –

Il progetto in concorso per il Premio Non Sprecare 2016 si avvale di una piattaforma online che svolge una doppia funzione: da una parte permette alle aziende agroalimentari, ristoranti e supermercati, di riqualificare le proprie eccedenze alimentari, dall’altra permette che tali risorse siano messe a disposizione delle Onlus che partecipano al network di Europe Saves Food, le quali in seguito potranno distribuirle, aiutando chi si trova in condizioni di difficoltà economica e sociale. Questa iniziativa realizzerebbe il passaggio da un’economia lineare ad una di tipo circolare, volta a diminuire gli scarti e quindi gli sprechi.

EUROPE SAVES FOOD PER LA RIDUZIONE DELLO SPRECO ALIMENTARE –

Europe Saves Food crea e monitora il corretto funzionamento dello scambio, in modo da implementare la qualità del servizio, un progetto per mettere in contatto enti che operano a livello locale ma che potrebbe essere riproposto come modello anche per realtà più ampie e complesse.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2016 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

PER APPROFONDIRE: Aumentano i panifici italiani che scelgono di donare il pane ai poveri, ecco quali sono

LEGGI ANCHE: