Questo sito contribuisce all'audience di

Emporio Caritas: a Caltanissetta un negozio che regala abiti ai poveri

Nulla si spreca: le famiglie che possono regalano vestiti non più utilizzati, e chi ne ha bisogno può ritirarli come se fosse in un normale negozio. Il progetto si chiama “Scaldacuori” e i locali dell’emporio sono stati ceduti gratuitamente dal vescovo.

Condivisioni

EMPORIO CARITAS CALTANISSETTA –

Avete mai messo piede in un emporio della Caritas? Sono dei veri e propri negozi, con la merce ben esposta e ordinata negli scaffali, e con continui rifornimenti in arrivo. Solo che qui non si vende e non si compra nulla, ma tutto si regala. Chi vuole può cedere all’emporio qualche indumento, vestiti, abiti, borse, che non utilizza, mentre le famiglie povere possono passare a ritirare i prodotti. E dispongono anche di camerini per provare le varie taglie.

LEGGI ANCHE: Fame Zero, un’app della Caritas per recuperare il cibo sprecato

SCALDACUORI: L’EMPORIO CARITAS DI CALTANISSETTA –

L’ultimo ad aprire, in ordine cronologico è stato l’emporio Caritas di Caltanissetta, chiamato lo “Scaldacuori” per il gesto di solidarietà che sottintende. I locali, in via De Gasperi 89, sono stati ceduti ai volontari in comodato dal vescovo Mario Russotto, e dal giorno dell’inaugurazione il negozio resta aperto per tre giorni alla settimana.

Accanto alla parte destinata al dono, c’è poi un laboratorio artigianale dove lavorano altri volontari che invece si dedicano alla trasformazione e alla riparazione di abiti inutilizzabili. Una volta riparati, i vestiti vengono venduti, e il ricavato destinato a iniziative sociali nel quartiere.

PER APPROFONDIRE: Sartorie solidali, a Foggia dal riciclo nascono abiti su misura per i poveri