Questo sito contribuisce all'audience di

Ecco i pannelli fotovoltaici in plastica

Condivisioni

Pannelli fotovoltaici in plastica, flessibili, duttili e soprattutto riciclabili. A brevettare il nuovo impianto solare è stata una società italiana, la Bandera, il cui progetto prevede la creazione di pannelli adatti per essere impiegati su quelle particolari superfici come vetri, attrezzi agricoli o tessuti su cui non è possibile utilizzare i convenzionali moduli in silicio.

Innovativo il processo produttivo che, grazie all’utilizzo di appositi polimeri nanocaricati, permetterà di assemblare, in un solo passaggio, pannelli multistrato pronti all’uso.

Al momento Bandera sta collaborando con diversi centri di ricerca sparsi nel mondo per ottimizzare i polimeri da utilizzare. Tra i diversi strati, ciascuno peculiare, il più critico è quello fotoattivo ma, grazie ai nuovi sviluppi dell’ottica, sarà anche possibile implementare negli strati protettivi, degli appositi nanocomposti che permetteranno allo strato fotoattivo di essere maggiormente efficiente.

E, anche se a oggi, l’efficienza dei pannelli in plastica è sicuramente inferiore quella di quelli in silicio, in prospettiva si può pensare a un aumento e possibilmente a un sorpasso, non avendo la tecnologia organica, i limiti di quella al silicio. Le celle in plastica presentano infatti una serie di vantaggi: la plastica è facilmente reperibile a un prezzo contenuto, il grado di efficienza è simile a quello di un pannello in silicio. Soprattutto, la plastica utilizzata per costruire i pannelli è in grado di catturare i raggi infrarossi del sole e questo assicura una produttività dei pannelli anche in presenza di condizioni climatiche sfavorevoli.

I pannelli solari in plastica ovviamente avranno una durata inferiore rispetto a quella garantita dai moduli tradizionali ma i loro costi saranno molto contenuti e competitivi.