Donare cibo ai poveri: a Torino si fa negli ospedali | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Donare cibo ai poveri: a Torino si fa negli ospedali

Un accordo fra l'amministrazione della Asl e il Banco Alimentare per donare cibo ai poveri recuperando quello che non viene consumato nell'ospedale

Condivisioni

A Torino negli ospedali esiste un’iniziativa per donare cibo ai poveri. Nelle corsie degli ospedali  il cibo viene recuperato e donato alle mense dei poveri. Succede all’ospedale Molinette di Torino, il terzo in Italia per dimensioni, dove è partito l’accordo tra il Banco Alimentare e l’amministrazione della Asl per recuperare i pasti che altrimenti finirebbero nella spazzatura.

LEGGI ANCHE: Re-food, contro lo spreco alimentare recuperare il cibo porta a porta

Il cibo non mangiato dai degenti viene conservato sotto i 4 gradi e sopra i 65 gradi fino al giorno della consegna, poi viene inserito in contenitori termici e girato ai volontari del Banco Alimentare che, a loro volta, lo distribuiscono alle mense dei poveri sul territorio.

PER SAPERNE DI PIU’: Torino contro gli sprechi, Eating City

L’obiettivo è molto ambizioso: recuperare circa 14mila pasti (tra colazioni, pranzi e cene) che altrimenti finirebbero nell’immondizia. Ricordiamo che, secondo le statistiche, circa un terzo dei pasti dei degenti negli ospedali italiani si perde e viene sprecato. E per questo motivo il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha avviato un piano nazionale di recupero dei pasti ospedalieri. Auguriamoci che il protocollo varato a Torino venga presto imitato da altri ospedali in Italia.