Questo sito contribuisce all'audience di

Desiderare di meno

di Posted on
Condivisioni

di Gianfranco Ravasi

 Il gesuita indiano Anthony De Mello, morto nel 1987, è stato criticato anche ufficialmente per una sua visione teologica di taglio sincretistico. Ciò non toglie che molte sue parabole o aforismi avessero un loro suggestivo significato morale. È il caso di questo apologo sul «desiderare di meno». Già san Giacomo nella sua Lettera ammoniva: «Siete pieni di desideri e non riuscite a possedere; uccidete, siete invidiosi e non riuscite a ottenere» ( 4,2 ). Si parla tanto di caduta del desiderio sessuale e questo è vero ai nostri giorni, proprio perché si è ecceduto nella voglia e nell’offerta. Il desiderio delle cose subisce lo stesso effetto: se hai un milione, ti affanni per il secondo; se hai una villa al mare, ne cerchi un’altra in montagna. E alla fine sale alla gola una sazietà che ha il sapore della nausea e che, però, rimane inestinguibile.
  Bisognerebbe rileggere un passo del Discorso della Montagna di Gesù (
Matteo 6, 25-34 ) sul «non affannarsi» nell’accumulo, nel possesso, nella sicurezza fasulla. È da questo ‘affanno’ che nasce lo stress, l’insoddisfazione e l’insofferenza per ogni minima difficoltà o mancanza. Si reagisce inviperiti davanti al primo ostacolo o disguido, si assiste a liti omeriche per questioni futili.
  Vorrei finire con un’altra parabola di De Mello, forse un po’ ottimistica ma dalla morale chiara. «Un uomo sull’autobus si trovò seduto accanto a un ragazzo misero con una sola scarpa. ‘Hai perso una scarpa?’ gli chiese. ‘No, ne ho trovata una’, rispose il giovane».