Questo sito contribuisce all'audience di

“Copiate la natura e diventerete ricchi”

di Posted on
Condivisioni

Gunter Pauli: creo’ la prima generazione di bio-imprenditori

Sono le 7. Una luce azzurra traspare dai minerali di titanio della vetrata e vi sveglia. Saltate dal letto e andate al lavoro, in un’azienda all’avanguardia nelle bioplastiche. Svettano i silos in cui ribollono granoturco, patate dolci e canna da zucchero. In basso, esce in quantita’ la poliattide. Questa plastica naturale verra’ preparata dal reparto al piano di sopra per venderla ad aziende che ne otterranno bicchieri e vestiti, protesi e carrozzerie per auto.

Alle 12 pausa pranzo. I locali hanno una temperatura controllata. Merito degli architetti della nuova edilizia: le termiti Macrotermes michaelseni. I segnali rilasciati dalle compagne li guidano nel legno delle pareti, creando gallerie di ventilazione che mantengono l’interno fresco e asciutto. Da quando l’uomo ha imparato a servirsi di loro, ha abbandonato i condizionatori.

Alle 3 del pomeriggio la giornata di lavoro e’ gia’ finita. I processi produttivi sono stati razionalizzati per rendere tutto piu’ semplice e cosi’ c’e’ molto tempo libero. Si esce e la citta’ e’ limpida. Non si brucia piu’ petrolio. L’energia la si ricava dalle alghe, dai pannelli solari e da enzimi che smontano ogni scarto in elementi chimici da riutilizzare. Sara’ anche che l’asfalto, i pavimenti, le vernici dei palazzi e i tessuti dei vestiti si puliscono da soli, come fanno le piante: milioni di cervici microscopiche amplificano la potenza detergente della pioggia al punto che nessuna schiuma e’ piu’ indispensabile.

Segreti come l’idrorepellenza delle foglie e l’adesivita’ elettrodinamica dei gechi sono da tempo applicati all’ingegneria delle superfici: cosi’ lo sporco, e le microparticelle, non riescono ad attaccarsi.

Fuori c’e’ qualche vocio, inframmezzato ai passi delle persone e al cicalio degli insetti. Le auto hanno eliminato i motori a scoppio, mentre i treni hanno la forma a becco di martin pescatore, un progetto dell’evoluzione che permette ai pennuti di avvicinarsi alle prede senza rumore. Ora si puo’ prendere l’auto, fare 300 km con un pieno di batteri fotosintetici fino agli altipiani e tornare a casa per cena, qui a Tsumeb, in Namibia.

Fantascienza?. No. E’ una sintesi dei tanti progetti visionari di Gunter Pauli. Lui non e’ un estremista dell’ecologia. Anzi. E’ un economista, belga fiammingo, teorico della prossima rivoluzione industriale verde. Il business del futuro – spiega – sara’ basato su processi industriali che mimano i metabolismi “inventati” dalla natura. Per necessita’ e per virtu’. Il mercato ha bisogno di abbattere i costi e per farlo deve migliorare l’efficienza dei mezzi di produzione. I processi piu’ efficienti sono i processi chimico-fisici evolutisi in natura, negli ecosistemi.

Se la Terra, da 4 miliardi e mezzo di anni, amministra mari, monti e nicchie biologiche, e’ molto piu’ aggiornata sui temi dell’economia dello sviluppo. Non a caso – sottolinea Pauli – le dinamiche dietro alla crescita di un albero, alla respirazione di un’alga, alle metamorfosi di larve in farfalle e di rocce in cristalli, avvengono spendendo il minimo di energia possibile. L’uomo, invece, e’ un creativo goffo. Lo sapete, per esempio, che nella realizzazione di un espresso al bar il 99,8% e’ rappresentato dallo scarto e solo lo 0,02 e’ la tazzina?. I processi industriali contemporanei sarebbero piu’ efficienti a produrre sottoprodotti che prodotti. La natura, al contrario, e’ efficiente, anzi e’ un’industria a quasi zero emissioni. E, allora, se le chiedessimo di aggiornarci? il proposito dell’Istituto di Gunter Pauli, lo Zero emissions research and initiatives (Zeri).

Le leggi della termodinamica pongono un limite all’efficienza e i processi piu’ vicini a questo limite sono quelli naturali. Una nuova teoria economica, sostenibile, deve quindi prendere ispirazione da modelli che abbiamo sotto gli occhi da sempre. E, secondo Pauli, i luoghi in cui deve iniziare la trasformazione verso la nuova logica nature-inspired e’ il Terzo Mondo. Ecco perche’ l’Istituto Zeri ha avviato esperimenti in molte zone: in Colombia ha creato una comunita’ autosufficiente, basata sul riutilizzo delle risorse di base, in Brasile riforesta una serie di aree devastate, alle Fiji ha introdotto una fattoria ecocompatibile.

E in Namibia Pauli ha avviato un’industria zero-emissions. E’ a Tsumeb, a 5 ore d’auto dalla capitale Windhoek. Oggi e’ una fattoria che produce birra da grano, acqua e lieviti e che trasforma il 98% dei sottoprodotti in fonti energetiche: mangime, fertilizzanti, biofuel e pane. Un biosistema che traina una piccola economia. Ma un giorno a Tsumeb potrebbero nascere le industrie della nuova generazione, realizzando uno spicchio del nuovo mondo pulito che entusiasma Pauli.

Chi e’ Gunter Pauli Economista
RUOLO: E’ L’IDEATORE DELLA ZERI FOUNDATION CHE PROMUOVE PROGETTI D’AVANGUARDIA E FA PARTE DEL PANEL DI AL GORE SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI
IL SITO: HTTP://WWW.ZERI.ORG/