Comunità cooperativa | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Comunità cooperativa

di Posted on
Condivisioni

Il Comune di Melpignano (LE) in questi anni ha lavorato sul progetto del “fotovoltaico diffuso sui tetti” in collaborazione con Officina Creativa s.c.s. e con il Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento, realizzando uno studio di fattibilità sull’idea progettuale. Ora è arrivato il momento di dare attuazione al progetto e creare le condizioni per la realizzazione degli impianti.

L’Amministrazione propone di creare una “COMUNITA’ COOPERATIVA’” con i cittadini melpignanesi, per dare attuazione al progetto del fotovoltaico ed alla gestione di alcuni servizi che riguardano la comunità, cercando di creare nuove opportunità di lavoro per i cittadini stessi. Partire dal fotovoltaico  per gestire altri servizi attraverso una COOPERATIVA di cittadini avente come socio “privilegiato” l’Amministrazione Comunale.

Una comunità che si unisce per creare nuove opportunità di lavoro. Di questo si parlerà MERCOLEDI’ 9 FEBBRAIO alle ore 18,00 presso la sala conferenze dell’ex Convento degli Agostiniani, alla presenza di Stefano Lucchini (Presidente dei Borghi Autentici d’Italia), Sergio Blasi (Consigliere Regionale), Lorenzo Vasanelli (Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento), Carmelo Rollo (Presidente Regionale della Legacoop) e Giuliano Poletti (Presidente Nazionale della Legacoop).

In occasione dell’incontro sarà sottoscritto un protocollo d’intesa fra Borghi Autentici d’Italia e Legacoop Nazionale per la sperimentazione in Italia delle Comunità Cooperative. Ancora una volta il primo laboratorio sperimentale in Italia parte da un centro meridionale, Melpignano.

Il Sindaco Stomeo ha condiviso fin dall’inizio le finalità del progetto promosso da Legacoop ritenendolo coerente con la propria missione amministrativa. Ha sempre parlato di “comunità unita”, coesa, forte, solidale, produttiva. Mettersi insieme per  stimolare percorsi di sviluppo locale dove al centro dell’iniziativa viene collocata una strategia di valorizzazione del cittadino, soprattutto giovane, con lo scopo di promuovere azioni integrate di sviluppo consapevole e autodeterminato in sede locale.

Mettersi insieme per garantire uno sviluppo non solo in termini quantitativi ma anche di qualità rispetto al patrimonio che il piccolo centro di Melpignano possiede. Stomeo “sogna” di vedere un giorno la sua comunità trasformarsi in una grande cooperativa che lavora in sinergia con l’Amministrazione Comunale predisposta all’affidamento di alcuni servizi.

"Perché, si chiede ancora Stomeo,  oltre alla realizzazione degli impianti fotovoltaici sui tetti dei cittadini la cooperativa non può gestire altri servizi creando un circolo virtuoso tra Amministrazione Comunale e  cittadini? Come per esempio il verde pubblico, le mense scolastiche, gli impianti sportivi?

Creare opportunità di lavoro, magari riscoprire vecchi mestieri o meglio ancora crearne di nuovi per i giovani di Melpignano. Ecco, questo è il sud che l’Italia merita."