Questo sito contribuisce all'audience di

InVisibili Capriolo: un centro di raccolta di beni di prima necessità per i senza dimora

Gli "InVisibili Capriolo" sono un gruppo di persone nato per sostenere e dare speranza e dignità a chi è senza dimora, attraverso un centro di raccolta di beni di prima necessità e ogni altra azione di collaborazione che ne agevoli il reinserimento nella società.

di Posted on
Condivisioni

COME AIUTARE GLI EMARGINATI –

Gli invisibili sono coloro che incontriamo tutti i giorni, senza vederli. Gli invisibili sono coloro di cui ignoriamo l’esistenza, anche se vivono nel nostro stesso quartiere e frequentano le stesse scuole dei nostri bambini. Gli invisibili vivono tra noi e sono in continuo aumento soprattutto a causa della crisi. Non solo senzatetto e immigrati clandestini, ma anche gente che si ritrova a non avere più nulla in seguito alla perdita del lavoro, una rottura familiare, dipendenza da droghe e alcol. E spesso sono incapaci anche di chiedere aiuto.

LEGGI ANCHE: A Philadelphia la pizza “sospesa” per donare un pasto gratis ai senzatetto

INVISIBILI CAPRIOLO, L’ASSOCIAZIONE CHE AIUTA GLI INVISIBILI DELLA SOCIETÀ –

In risposta ad una realtà tanto drammatica, nasce un gruppo, gli InVisibili Capriolo, un’associazione e un insieme di persone che si propone di sostenere, aiutare, dare un volto e un nome agli invisibili della nostra società. Un gruppo di persone capaci di guardare alla sofferenza, al di là delle apparenze e dei pregiudizi.

L’ATTIVITÀ DELL’ASSOCIAZIONE INVISIBILI CAPRIOLO –

Attraverso un centro di raccolta, a Brescia, generi di prima necessità vengono donati, smistati e recapitati dalla gente alla gente che ne ha bisogno. Ognuno può partecipare donando o ricevendo cibo, abiti, ascolto: dai supermercati, negozi e depositi di frutta che hanno alimenti in eccedenza, alle mamme che intendono svuotare gli armadi di vestiti dismessi. Un ruolo importante è poi quello svolto dai volontari che donano il loro tempo per lo svolgimento di lavori di manutenzione, per la distribuzione di cibo e indumenti presso parchi e stazioni e per ogni altra azione di collaborazione che agevoli il reinserimento sociale dei senza dimora.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2015 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui! 

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

PER APPROFONDIRE:  A New York, il parrucchiere di strada che offre gratuitamente un nuovo look ai senzatetto