Questo sito contribuisce all'audience di

Carlo d’Inghilterra, il principe degli sprechi

di Posted on
Condivisioni

Mentre il popolo ha poco pane, il principe si mangia le brioche. Il blasonato autore di sprechi regali di questi giorni è Carlo Windsor, principe del Galles, accusato di spendere e spandere per la monarchia, mentre gli inglesi pagano il caro prezzo dell’austerity. E il conto è tutto a carico dei contribuenti britannici.

In questi giorni è stato infatti pubblicato il rapporto sui costi dell’erede al trono, fatto di per sé positivo ai fini della trasparenza. Quello che è venuto fuori, tuttavia, non è altrettanto favorevole. Secondo l’associazione Republic il principe ha speso l’11% in più rispetto all’anno precedente: «Anno dopo anno Carlo spende sempre di più per i suoi viaggi, la maggior parte dei quali sono per scopi personali», ha denunciato Graham Smith, responsabile del gruppo di pressione antimonarchico. «Intanto il Paese deve sopportare i tagli alla spesa pubblica».

Il portavoce dei reali ha precisato che si tratta perlopiù di spese in viaggi e attività di beneficienza, una sorta di servizio di «rappresentanza» per la nazione. E nessuno lo mette in dubbio: certo che, tra matrimoni da favola, compleanni reali e nuovi membri (35mila sterline per il guardaroba di Kate Middleton), per un totale di 2,2 milioni di sterlinenon sono del tutto da biasimare le critiche dei contribuenti della Regina.