Il calciatore che dona il fegato alla mamma | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Il calciatore che dona il fegato alla mamma e si ritira

La scelta coraggiosa del croato Robert Peric-Komsic che rinuncia alla carriera per salvare la madre. E ci riesce

di Posted on

Attorno ai vent’anni un calciatore professionista è nel momento decisivo della sua carriera. Quello del grande salto. Ne era perfettamente consapevole Robert Peric-Komsic quando ha preso la decisione che gli ha cambiato la vita: donare buona parte del suo fegato alla madre. E ritirarsi dal calcio professionistico.

IL CALCIATORE CHE DONA IL FEGATO ALLA MAMMA E SI RITIRA

Robert Peric-Komsic ha 23 anni, gioca nel Cibalia, seconda divisione del campionato croato. Ha un futuro davanti. Ma il presente lo mette, spalle al muro, davanti a una scelta drammatica. La madre Ljiljana da 13 anni ha un male incurabile al fegato: ha fatto già tre interventi, tutti inutili. E un nuovo trapianto partendo dal fegato del figlio Vedran, fratello di Robert, è impossibile. L’uomo è troppo grasso. Così non resta che Robert, e non c’è tempo da perdere: ogni giorno che passa la donna rischia di morire.

ROBERT PERIC-KOMSIC

Robert non ci pensa un attimo. Cede il 70 per cento del suo fegato alla mamma, il trapianto, avvenuto in una clinica di Istanbul, riesce e la donna è salva. Ma intanto Robert deve rinunciare al calcio professionista. E forse, lo sperano tutti, un giorno potrà riprendere a giocare a pallone. Intanto ha allungato la vita della madre. Con un gesto di generosità che ricorda da vicino quello di Nemiah, una bambina dodicenne che vende limonate per raccogliere i soldi e comprare il pancreas da trapiantare alla mamma.

(Foto tratta dal profilo Facebook di Robert Peric-Komsic)

BAMBINI E RAGAZZI CHE INSEGNANO A VIVERE:

  1. Filippo, campanaro a soli 11 anni. Così un bambino salva una tradizione (foto)
  2. Matteo, 20 anni, bloccato sulla sedia a rotelle è diventato campione mondiale di ping pong (foto)
  3. Marco ha detto “no” al bullismo e invita tutti a fare altrettanto, parlandone (video)
Share

<