Questo sito contribuisce all'audience di

Arte del puntino ad ago. Un’antica tradizione lucana, vanto d’Italia (foto)

Una tecnica di ricamo unica nel suo genere. Il puntino ad ago è desiderio delle boutique più chic d'Italia ed è nella lista dei beni del patrimonio culturale immateriale dell'UNESCO.

di Posted on
Condivisioni

ARTE DEL PUNTINO AD AGO

Un lavoro antico e dimenticato, che si trasforma in una piccola e moderna azienda artigianale. Grazie alla cura di una cinquantina di donne lucane, espertissime nel ricamo ad ago. Un’arte che risale già agli anni Cinquanta, con la quale a Latronico, un piccolo paese della Basilicata, si realizzavano corredi a mano.

Si chiama “Puntino ad ago” ed è una particolare tecnica di ricamo molto laboriosa e unica in Italia, praticata senza telaio da più di cinquanta donne che realizzano lavori per corredo, abiti nuziali e arredi sacri, tramandando una tradizione che risale gli inizi del ‘900.

LEGGI ANCHEUncinetto, tra tradizione e innovazione, il web riscopre l’arte manuale | Video

PUNTINO AD AGO DI LATRONICO

Il pizzo è simile a quelli eseguiti in alcune zone del mediterraneo orientale e probabilmente le sue origini risalgono al VI sec. A.C. quando, a circa 6 km dall’attuale abitato, sono intercorse relazioni tra i coloni greci della costa e le popolazioni dell’entroterra. Oppure potrebbe essere un’evoluzione del filet classico a modano, molto diffuso a Latronico.

La tradizione del punto ad ago di Latronico è riuscita a sopravvivere per lunghi secoli arrivando fino a noi attraverso il lavoro abile delle donne, trasformandosi contemporaneamente in veicolo di cultura ed ipotesi di sviluppo economico e turistico dell’intero territorio.

Per tutelare quest’arte antica è nata l’associazione culturale «Il tassello», fermamente voluta dall’attuale presidente Felicetta Gesualdi che, negli ultimi anni, ha assunto un ruolo di primaria importanza nella promozione e valorizzazione di questo singolare ricamo.

PER APPROFONDIRE: Kit da cucito: come realizzarlo con il riciclo creativo | Foto

TECNICA DEL PUNTINO AD AGO

A tale scopo ha attivato una serie di iniziative che hanno portato il Puntino ad Ago a una sempre maggiore conoscenza non solo a livello locale e nazionale ma anche Internazionale. Infatti alcuni pezzi sono in vendita in via Monte Napoleone a Milano e le richieste crescono di giorno in giorno.

Attualmente sta curando le procedure per l’inserimento del Puntino ad Ago nella lista dei beni del patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO.

IL RITORNO IN AUGE DEL CUCITO TRA DIGITALIZZAZIONE E TRADIZIONE:

  1. Nuovi artigiani, così Sara ha lasciato il lavoro per diventare sarta e blogger sul web
  2. Vendetta uncinetta, la storia di Gaia Segattini tra tradizione e innovazione con l’uncinetto
  3. Riciclo creativo della stoffa: idee per non sprecare l’abbigliamento (Foto)
  4. Abiti su misura online, la sartoria digitale che riscatta lana e artigianato a Biella