Questo sito contribuisce all'audience di

Maltrattamento degli animali: ecco cosa fare per aiutarli

Il maltrattamento degli animali è un reato punito con la reclusione da 3 mesi a 1 anno o con una multa da 3mila a 15mila euro secondo la legge n.189 del 20 luglio 2014.

Maltrattamento degli animali: ecco cosa fare per aiutarli
Cosa fare in caso di maltrattamento di animali
di
Condivisioni

COSA FARE IN CASO DI MALTRATTAMENTO DI ANIMALI –

Nessuno causerà inutilmente dolori, sofferenze o angosce ad un animale da compagnia”: parla chiaro la legge n.189 del 20 luglio 2014 contenente le disposizioni circa il divieto di maltrattamento degli animali e il  loro impiego in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate.

MALTRATTAMENTO DI ANIMALI: LA LEGGE 189/04 –

Un reato, quello compiuto da chi sottopone animali a sevizie o comportamenti, fatiche o lavori insopportabili, punito con la reclusione da 3 mesi a 1 anno o con una multa da 3mila a 15mila euro. Una pena applicata anche a chi somministra agli animali sostanze stupefacenti o vietate o li sottopone a trattamenti che causano un danno alla loro salute. Una pena che aumenta nel caso in cui il maltrattamento porta alla morte dell’animale.

LEGGI ANCHE: Come aiutare gli animali abbandonati

COME FERMARE IL MALTRATTAMENTO DEGLI ANIMALI –

Sperando che non succeda, ecco come agire nel caso in cui si scopre o si assiste al maltrattamento di un animale:

  • Per cominciare, se siete a conoscenza di una situazione di maltrattamento o vi assistete in prima persona, non esitate a denunciare subito la persona ai Carabinieri, alla Polizia, alla Guardia di Finanza o alla Polizia locale.
  • Se il maltrattamento è in corso, richiedete l’intervento urgente e tempestivo delle Forze dell’ordine che procederanno con il sequestro dell’animale.
  • Raccogliete più prove possibili, ad esempio foto e video, in modo da comprovare il maltrattamento e denunciarlo per iscritto presso una Forza di polizia.
  • È possibile inoltre richiedere l’intervento di una guardia zoofila, detta anche guardia particolare giurata. Si tratta di una figura che opera per conto dell’ENPA (Ente nazionale protezione animali): per farla intervenire è necessario quindi contattare l’ente e informarsi sulla disponibilità di guardie e tempi di intervento. L’Enpa, dopo aver valutato gravità e urgenza della segnalazione, redige un “ordine di servizio” per le guardie e organizza il sopralluogo. Una volta giunte sul posto, le guardie compilano un verbale e in caso hanno facoltà di procedere con il sequestro dell’animale.
  • Presso alcuni Comuni italiani è presente lo Sportello per i diritti degli animali presso il quale denunciare i casi di maltrattamento.

PER APPROFONDIRE: Le difficoltà quotidiane a cui va incontro un cane randagio, il video che fa riflettere

Ultime Notizie: