Tendopoli San Ferdinando Calabria - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Immigrati, meglio chiudere la tendopoli in Calabria che alimenta schiavitù e odio

Il carabiniere accoltellato a San Ferdinando che spara e uccide un migrante, è solo l'ultima tragedia in un accampamento di disperati. Un luogo da smantellare, che non aiuta l'integrazione ma solo la criminalità e l'illegalità. Il modello della buona accoglienza è invece, sempre in Calabria, il comune di Riace.

di Posted on
Condivisioni

TENDOPOLI SAN FERDINANDO CALABRIA –

Nell’accampamento dei disperati, una tendopoli A San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria, con oltre 500 persone, immigrati e braccianti, rifugiati o in attesa dello status, la violenza purtroppo è all’ordine del giorno. E il dramma di un carabiniere accoltellato, durante una rissa tra immigrati di diverse comunità, che poi spara e uccide  Sekine Traore, un extracomunitario arrivato dal Mali, è solo l’ultimo episodio da cronaca nera in queste maxi-strutture di finta accoglienza, che in realtà diventano focolai illegali pronti ad esplodere, ogni minuto. E nonostante lo sforzo di tanti generosi volontari che ci lavorano.

LEGGI ANCHE: Sbarchi in Italia, per gli immigrati bisogna puntare sui piccoli comuni

LA VITA DEGLI IMMIGRATI NELLA TENDOPOLI DI SAN FERDINANDO –

Questa tendopoli va chiusa, e al più presto. Per diversi motivi. Al suo interno convivono comunità che non potranno mai davvero integrarsi in questo ambiente medioevale, senza servizi igienici e spesso perfino senza luce. Inoltre è una sacca del caos, con tanti immigrati che sono in attesa di una risposta per ricevere lo status di rifugiati e magari non hanno neanche i requisiti per ottenerlo. In secondo luogo, a San Ferdinando comanda solo la malavita locale. Gli immigrati della tendopoli sono in gran parte occupati, come schiavi, nelle campagne della zona. Raccolgono le arance, per esempio, per 3 euro all’ora, come se fossimo in paese terzomondista. Oppure lavorano in nero, senza alcuna copertura assicurativa e tantomeno previdenziale. Sono semplicemente schiavi, per chiamarli con il nome giusto. E un paese civile non può tollerare un accampamento di disperati come bacino per un mercato del lavoro fuorilegge e attività che fanno comodo alle cosche. Questa è una resa dello stato, non una risposta.

IMMIGRAZIONE IN CALABRIA –

Infine, nella stessa Calabria ci sono altri modelli di immigrazione che invece funzionano e sono stati perfino riconosciuti come esemplari in tutto il mondo. È il caso del comune di Riace che si trova nella stessa regione della tendopoli di San Ferdinando. Come ripetiamo spesso, bisogna puntare su questo meccanismo di immigrazione, coinvolgendo e aiutando (innanzitutto con i soldi) sindaci e amministratori locali. E chiudere invece le tendopoli come quella di San Ferdinando. Ho letto che la cosa non si potrebbe fare perché mancherebbero i fondi, e il comune della zona è sciolto per mafia. Ma scherziamo? Esiste il governo, esiste il ministero degli Interni: scendano in campo, e ci pensino loro a chiudere questo tempio della schiavitù contemporanea.

(Credits: Ververidis Vasilis / Shutterstock.com )

PER APPROFONDIRE: Immigrazione e sprechi, un miliardo e 162 milioni per pagare i centri d’accoglienza

LEGGI ANCHE: