Questo sito contribuisce all'audience di

La bella iniziativa di un pensionato siciliano per liberare la spiaggia dai mozziconi di sigaretta

“Liberiamo la nostra spiaggia dai mozziconi. Compro mozziconi di sigarette a un centesimo l’uno, e non è uno scherzo”: così il signor Gianni Di Pasquale è riuscito a raccogliere sulla spiaggia di Noto ben 6mila mozziconi di sigarette.

di Posted on
Condivisioni

SMALTIMENTO MOZZICONI DI SIGARETTE –

Sarà capitato anche a voi tante volte, a luglio e agosto durante le vacanze in spiaggia, di passeggiare o giocare con i bambini sulla sabbia e di veder affiorare i mozziconi di sigarette. Fortemente inquinanti, un mozzicone gettato in strada, in spiaggia o in giardino o aree verdi, contiene circa 4mila sostanze tossiche e ha un tempo complessivo di degradazione che si aggira intorno ai 10 anni.

LEGGI ANCHE: Basta con i mozziconi di sigaretta per terra, teniamo le città pulite con l’esempio di Tel Aviv

INQUINAMENTO DA MOZZICONI DI SIGARETTE –

Fortunatamente, il problema ha iniziato a scuotere le amministrazioni comunali che stanno provando a combattere questa cattiva abitudine con multe salate. Ma, non ci sono solo i progetti portati avanti dai singoli Comuni: oggi vogliamo raccontarvi la bella iniziativa di un pensionato siciliano per sensibilizzare i bagnanti della spiaggia di Lido di Noto al rispetto e alla tutela dell’ambiente.

L’INIZIATIVA DI UN CITTADINO PER COMBATTERE LE CICCHE BUTTATE IN SPIAGGIA –

Come riportato su NewSicilia, Gianni Di Pasquale, ex disegnatore meccanico e appassionato di internet, originario di Sortino ma da anni residente a Milano, ha deciso di approfittare degli ultimi giorni di vacanze estive a Lido di Noto per raccogliere oltre 6mila mozziconi di sigarette.

Interessante il modo in cui le cicche sono state recuperate: Gianni ha posizionato un tavolo verde in spiaggia e alcuni contenitori in vetro vuoti e ha esposto il cartello con su scritto: “Liberiamo la nostra spiaggia dai mozziconi. Compro mozziconi di sigarette a un centesimo l’uno, e non è uno scherzo”.

L’offerta ha convinto i bagnanti, adulti e bambini, che nel giro di poche ore hanno riempito i contenitori fino all’orlo. L’investimento in centesimi era di venti euro: come racconta il pensionato a NewSicilia, un ragazzo ne ha consegnati ben 700 aggiudicandosi 7 euro ma, allo stesso tempo, sono stati tanti i genitori che hanno rimborsato di tasca loro i propri figli che si erano attivati per la consegna dei mozziconi trovati in spiaggia. L’intento dell’iniziativa infatti non era quello del guadagno economico ma bensì la trasmissione di un messaggio di civiltà e rispetto della bellissima spiaggia e dello splendido mare.

Noi della redazione di Non sprecare ci congratuliamo con il signor Di Pasquale per la splendida iniziativa e ci auguriamo che queste buone pratiche per la tutela del nostro territorio si diffondano ogni giorno di più.

(Fonte immagine di copertina: Newsicilia.it)

PER APPROFONDIRE: Grande bellezza a Roma, adesso ci pensano i cittadini

LEGGI ANCHE:

2 Comments
  • marco
    10.09.2014

    io una mascherina stando seduto in parte a 6000 mozziconi (x 4000= 24.000.000 di sostanze inquinanti) la indosserei…

    • Ivano
      11.09.2014

      beh, le sostanze rimangono sempre 4000. Al massimo il numero dei mozziconi ne fa aumentare la concentrazione. In ogni caso la mascherina e i guanti sono consigliati….. 😉