Rosa Aranda Cuji | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Rosa, la donna che difende l’acqua in Amazzonia

Da semplice contabile guida un’associazione che prova a fermare l’inquinamento del fiume Villano. Dovuto alle estrazioni petrolifere. Con danni enormi per la salute e per l’economia

di Posted on

Tutto avviene attorno a un fiume, nel cuore della foresta dell’Amazzonia ecuadoriana. Uno spreco enorme di risorse ambientali che ha stravolto un territorio, distrutto un equilibrio economico e sociale, inquinando il bacino del fiume Villano e degli alberi che lo circondano. Solo per lasciare campo libero alle estrazioni petrolifere.

ROSA ARANDA CUJI

A fronteggiare questa inarrestabile avanzata è rimasta soltanto l’associazione Sumak Kawsay, attorno alla quale si sono raccolte 150 famiglie di quattro villaggi kichwa, piazzati alle porte dell’Amazzonia, sulla soglia di un territorio di 200mila ettari di foresta attraversati dal fiume Villano e di fatto finiti sotto il controllo del gruppo petrolifero Pluspetrol. E alla testa dell’associazione c’è una donna, l’attivista per l’ambiente Rosa Aranda Cuji, 41 anni, nativa di Piwiri, in Ecuador, segretaria contabile.

LEGGI ANCHE: Julia Butterfly Hill, la ragazza che visse su un albero e salvò un’intera foresta (foto)

ACQUA INQUINATA IN AMAZZONIA

La battaglia di Rosa e delle famiglie mobilitate con lei è innanzitutto sull’acqua. Le estrazioni hanno avvelenato il fiume con danni enormi per la popolazione, anche dal punto di vista economico. Gli abitanti che vivono attorno al fiume Villano ormai mangiano pesci inquinati, la papaya è estinta e la yucca ha i funghi. «Questo non è sviluppo, ma distruzione. Non significa utilizzare le risorse ambientali, ma sprecarle» protesta Rosa. Tutta la vita della popolazione residente in questa zona dell’Amazzonia gravita attorno al fiume, e i medici hanno riscontrato che l’80 per cento ha problemi alla pelle, legati proprio all’inquinamento ambientale.  E purtroppo l’industria petrolifera è stata abilissima nel dare un’alternativa solida alle povere attività agricole dell’Amazzonia. Aiutata anche da un clima di violenza che mette a rischio la vita di attiviste come Rosa, più volte minacciata.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

Fonte immagine: Agenda Propia

LE STORIE DI CHI LOTTA PER SALVARE L’AMBIENTE:

Share

<