Questo sito contribuisce all'audience di

“Dare freschezza agli aiuti alimentari”: il progetto per il recupero di prodotti freschi

125 le tonnellate di alimenti freschi pari a 250mila pasti messi a disposizione di circa 4mila persone di cui oltre 1.100 minorenni.

di Posted on
Condivisioni

RECUPERO ALIMENTI GRANDE DISTRIBUZIONE –

Ben 125 le tonnellate di alimenti freschi pari a 250mila pasti messi a disposizione di circa 4mila persone di cui oltre 1.100 minorenni: questi gli importanti risultati raggiunti dal progetto “Dare freschezza agli aiuti alimentari”, che ha previsto l’attivazione di una rete solidale per il recupero giornaliero dei prodotti freschi dai Punti Vendita della Grande Distribuzione Organizzata.

Sostenuto da Fondazione della Comunità Monza Brianza, il progetto ha coinvolto “Banco Alimentare della Lombardia”, aziende leader della Grande Distribuzione Organizzata nei punti vendita della Provincia Monza Brianza e le Strutture Caritative abitualmente in prima linea a supporto di chi ha più bisogno.

LEGGI ANCHE: Rete alimentare Siticibo, il progetto per il recupero delle eccedenze alimentari

IL PROGETTO DI BANCO ALIMENTARE LOMBARDIA –

Una risposta concreta al bisogno sempre più urgente di aiutare le famiglie in difficoltà e un modo per non sprecare alimenti ancora buoni.

Tra i punti vendita della Grande distribuzione organizzata, hanno preso parte al progetto: Auchan, Carrefour, Coop, Esselunga, Eurospin, Il Gigante, Iper, Penny Market. Tra le strutture caritative coinvolte: Tantum Aurora, Marista, Caritas, Società Cooperativa Sociale Le Stelle, Centro Mamma Rita, Centro di Solidarietà Lo Spiraglio, Società di San Vincenzo De Paoli, Parrocchia S. Giorgio.

18

A supporto dell’iniziativa e per aiutare le famiglie ad un utilizzo più consapevole degli alimenti freschi e no, il Banco Alimentare della Lombardia, in collaborazione con la Cooperativa Meta, ha organizzato inoltre, presso la sede di Muggiò e le sedi di alcune Strutture Caritative, un ciclo di incontri sul tema della corretta alimentazione: Nutrizione & Salute” e HACCP per la corretta gestione dei prodotti recuperati. In totale le persone che hanno partecipato ai 9 incontri organizzati sono state circa 130.

PER APPROFONDIRE: Basta, fermiamo l’enorme spreco di cibo nei supermercati