Questo sito contribuisce all'audience di

Piste ciclabili, Italia ultima in Europa. Crescono invece le città spagnole

Nell’ultima classifica internazionale nessuna città italiana tra le prime venti al mondo più favorevoli all’uso delle ruote. A Milano utilizzano la bici solo 4 cittadini su 100, a Copenaghen sono 50, ad Amsterdam 26, a Monaco di Baviera 14.

Condivisioni

PISTE CICLABILI ITALIA –

Il ministro Graziano Delrio promette cantieri aperti per grandi ciclovie di interesse nazionale. Bene. Non c’è sindaco italiano che non pensi a una pista per i ciclisti ed a nuovi spazi per le bici. Bene. Ma intanto le statistiche, che registrano i fatti, dicono altro: nel Copenhagenize Index, che misura e classifica le città più favorevoli alle due ruote, ai primi trenta posti non compare alcuna città italiana. Ai primi tre posti ci sono invece la capitale danese, seguita da Amsterdam e Utrecht, entrambe città olandesi. Una gerarchia nota, che non è una novità, con i paesi del Nord Europa nella parte dei primi della classe.

LEGGI ANCHE: Italia in bici, così sta cambiando la mobilità di milioni di cittadini

PISTE CICLABILI IN EUROPA –

Sorprende invece la crescita di nuove città che orientano le loro politiche a favore delle piste ciclabili, con cambiamenti veramente rivoluzionari. E’ il caso di Lubiana, ma anche di Barcellona e di Siviglia, dove si sta diffondendo al massimo l’uso della bicicletta anche grazie a interventi molto significativi sul piano infrastrutturale. E noi? Nella classifica non si vedono le grandi metropoli italiane, come Roma, Milano e Napoli, ma non compaiono neanche medie città come Parma, Reggio Emilia e Ferrara, che sono tradizionalmente attrezzate per le due ruote. Insomma: non ci siamo.

MAPPA PISTE CICLABILI MILANO –

Mancano le piste, sicuramente. Scarseggia la sicurezza, ed è un problema per chi sceglie questo mezzo di locomozione. Ed è ancora insufficiente una cultura a favore della bici, come alternativa all’auto. Se prendiamo l’esempio di Milano, di certo la città italiana dove sono stati fatti i maggiori sforzi per l’uso alternativo all’auto per ridurre l’inquinamento, risparmiare sui consumi e migliorare il traffico, scopriamo che ad oggi appena 4 cittadini su 100 utilizzano la bicicletta come mezzo per andare a lavoro oppure per fare la spesa. A Copenaghen sono 50, ad Amsterdam 26 ed a Monaco 14. Distanze abissali che indicano come la strada per la bici in Italia sia ancora molto lunga. E al momento tutta in salita.

LEGGI ANCHE: Come evitare il furto della bicicletta