Questo sito contribuisce all'audience di

Maturità con lode, il primato resta al Sud

di Posted on
Condivisioni

Anno nuovo, voti vecchi. Ottimi, per carita’. Ma che portano con se’ l’ombra di qualche dubbio. Il ministero di viale Trastevere ha elaborato i dati relativi alla maturita’ 2009-10 ? qualche manciata di schede e’ ancora in dirittura d’arrivo, ma quelli che il Corriere e’ in grado di anticipare sono vicinissimi ai risultati definitivi ? e quel che ne esce e’, in pratica, un quadro-fotocopia degli esami di 12 mesi fa. La mappa dell’Italia dei cento e lode e’, ancora, fortemente sbilanciata. Verso il Sud, soprattutto.

Sono 4.037, allo stato, i diplomati cum laude negli istituti superiori italiani; di questi, 2.016 ? quasi la meta’ esatta ? provengono dalle Regioni meridionali e dalle isole. Piu’ del doppio di quelli del Nord. Se il record secco, in base ai numeri, spetta alla Puglia (631), in realta’ a voler guardare la percentuale sul totale dei diplomati la medaglia d’oro spetta alla Calabria: solo 362 lodi, che pero’ rappresentano ben il 2,1% sull’ammontare complessivo dei diplomati. La Puglia si ferma poco sotto, con l’1,8%. Salendo un po’ lungo lo Stivale, si scopre che anche Umbria e Marche si difendono bene, rispettivamente con l’1,6 e l’1,4 per cento (che corrispondono a 89 e 156 ragazze e ragazzi); e persino l’Emilia si attesta sull’1,4%, pari a 336 bravissimi.

, pero’, incontestabile che una differenza geografica, per quanto sfumata e con tutti i distinguo del caso ? la Basilicata, per dire, si e’ fermata a 43 studenti eccellenti, lo 0,8% del totale ?, ci sia eccome. Una conferma di quanto era gia’ emerso ai primi di agosto del 2009. Allora, le lodi si erano fermate a quota 3.529; nel 2008 erano state 4.008 (ma il numero complessivo dei maturandi era piu’ alto). Un piccolo salto in avanti, che si riflette anche nella percentuale di chi ha ottenuto il massimo dei voti: 1,1%, contro lo 0,92 di un anno fa. I cento senza lode aumentano anch’essi di una manciata di unita’, da 19.078 a 20.238.

Resta, invece, un dato di fatto: nelle Regioni del Nord, di norma, gli studenti al top sono ? in percentuale ? meno di quanto non avvenga al Sud. Dell’Emilia-Romagna si e’ gia’ detto, ed e’ ? insieme alla Liguria, ferma all’1% ? l’unica a doppiare la boa del punto percentuale. La Lombardia, con 256 lodi, si aggiudica uno 0,5%; il Piemonte, con 208, e’ allo 0,9%. L’impressione e’ confermata se si vanno a spulciare i dati relativi ai centisti, quelli che la lode l’hanno sfiorata, e che comunque rientrano a pieno diritto nel novero delle eccellenze. Sono il 4,9% dei diplomati piemontesi, il 3,7% dei lombardi, il 4,6% dei veneti, il 5,2% dei liguri. E l’8,1% dei calabresi, il 6,4% dei siciliani, il 6,7% dei pugliesi, il 6,7% dei marchigiani, il 6,4% degli umbri. La Basilicata, solita mosca bianca, e’ ferma al 4,6%.

E se in Piemonte, Veneto e Friuli-Venezia Giulia nessun istituto ha assegnato piu’ di 7 lodi, in Sardegna e Toscana soltanto uno ha raggiunto quota 9 e in Molise non c’e’ chi sia andato oltre quota 5, nelle Regioni del Sud le cifre hanno un andamento ben diverso: in Sicilia, 4 scuole hanno elargito piu’ di 11 lodi, in Calabria 7 hanno superato il 14, e in Puglia 10 hanno oltrepassato la boa dei 10 eccellenti. Sono calabresi 7 istituti su 10 nella top ten dei lodisti: 26 bravissimi nel solo liceo Da Vinci di Reggio, che l’anno scorso si era fermato a quota 17. La prima Regione del Nord a spuntare nella classifica e’ l’Emilia-Romagna, con il liceo Ulivi di Parma: 13 lodi, erano 10 nell’agosto 2009. L’Abruzzo e le Marche si infilano ai numeri 32 e 33 (con il classico D’Annunzio di Pescara e lo scientifico Marconi di Pesaro, 11 lodi a testa); da li’ in giu’, fanno capolino piu’ o meno tutte le Regioni. Ma da li’ in su, c’e’ spazio solo per Calabria, Sicilia, Puglia e Campania. E per chi avesse tempo e voglia di scorrere l’elenco fino alla parte bassa della graduatoria, i nomi noti non mancano: lo scientifico Righi di Bologna, ad esempio, e’ al 124 posto, con 6 lodi; a pari merito il classico Mamiani di Roma; a Torino, l’Alfieri e’ fermo a quota 5, mentre il Parini e il Volta di Milano hanno 4 eccellenze a testa. Il classico Tito Livio di Padova, tra gli istituti piu’ ambiti del Nordest, ne vanta solo tre.