Associazione Fai Ercolano per la legalità | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Associazione di commercianti contro il racket a Ercolano: grazie a loro 500 camorristi arrestati

La storia di che cosa possono fare i cittadini, contro la malavita, quando collaborano con le forze dell’ordine e con la magistratura. Anche rischiando in prima persona

di Posted on

Ultimo aggiornamento il 12.01.2022 alle 18:57

Non sono eroi, ma certo cittadini coraggiosi che rischiano ritorsioni della malavita e sfidano in prima persona, senza nascondersi dietro il dito delle cose impossibili, lo strapotere dei clan. Non sprecano la loro vita. I volontari dell’Associazione Fai Ercolano hanno fatto un vero miracolo, contribuendo con le loro denunce a una serie di azioni delle forze dell’ordine e della magistratura in uno dei territori più inquinati d’Italia. Dove le vere industrie locali si chiamano racket e usura.

ASSOCIAZIONE FAI ERCOLANO PER LA LEGALITÀ

Quella di Ercolano, è un’associazione che fa parte della rete della Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura italiane (Fai). Sono 55 in tutta Italia, e il loro uomo-simbolo è Libero Grassi, piccolo imprenditore siciliano ucciso da Cosa Nostra per essersi opposto alla richiesta del pizzo. Nel Fai di Ercolano sono entrati innanzitutto i commercianti della cittadina campana, schiacciati dalle richieste del pizzo e dai finanziamenti in nero, con tassi di usura, da parte di piccoli banchieri della malavita organizzata della zona.

LEGGI ANCHE: Calcestruzzi Ericina, i lavoratori che riciclano i rifiuti edili con un’azienda sequestrata alla mafia

ANTIRACKET ERCOLANO

L’Associazione di Ercolano, collaborando con le forze dell’ordine e con la magistratura, ha dato un contributo decisivo all’arresto di 500 camorristi della zona: 44 sono già stati condannati all’ergastolo. Ma non c’è solo la denuncia nell’attività di questa straordinaria associazione. I suoi volontari vanno nelle scuole, organizzano marce e convegni e hanno una pagina Facebook attiva e aggiornata. Dove accanto alle auto bruciate da qualche di qualche camorrista che ancora prova a impaurire i commercianti di Ercolano, ci sono anche le notizie con gli arresti dei criminali. Giorno per giorno.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

Nell’immagine di copertina: Libero Grassi. Fonte: La Sicilia

LE STORIE DI CHI LOTTA PER UN MONDO MIGLIORE:

  1. Una donna che mette in ginocchio i clan. La storia di Vittoria, leader dell’antiracket
  2. Fiore, da ristorante della mafia a simbolo di legalità e integrazione degli immigrati
  3. Forno di comunità: a Andria si vende il pane prodotto con i terreni sequestrati alla mafia
Share

Nessun commento presente

Che ne pensi?

<