Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Ricette pane raffermo: canederli allo speck in brodo di verdure avanzate

Una ricetta che occupa un posto d'onore nella cucina degli avanzi perché non solo suggerisce un modo creativo e gustoso di riutilizzare il pane raffermo ma impiega anche, per il brodo, il dado vegetale fai da te

Condivisioni

RICETTE PANE RAFFERMO –

Il pane raffermo è l’ingrediente di base per realizzare i canederli. La ricetta per prepararli è una delle più classiche per non sprecare il pane che è avanzato in dispensa, immancabile per ogni ricettario che si rispetti, alla voce “cucina degli avanzi”. Nella versione di Francesca Antonucci, blogger di Mistofrigo, questo squisito piatto di montagna viene realizzato utilizzando come condimento un avanzo di speck e come brodo di cottura quello ottenuto con il dado fatto in casa.

PER SAPERNE DI PIU’: Come preparare il dado vegetale fatto in casa

Dei canederli esistono poi tante altre versioni senza carne, per esempio al formaggio o agli spinaci.

Ecco qualche  appunto sul dado vegetale fai da te che ci suggerisce Francesca: “Ho fatto bollire per un’ora circa le foglie esterne delle cipolle, dei cavoli, del sedano e dei finocchi. Di questi poi ho aggiunto gambi e ciuffetti verdi, e quindi qualche foglia di lattuga leggermente appassita. In pratica tutti i più “comuni scarti degli ortaggi”. Infine ho frullato a crema e aggiunto il sale grosso. Un cucchiaio da minestra di “dado in crema” ogni litro di acqua è una base perfetta per un gustoso ed economico brodo, perfetto tra l’altro per impastare e cuocere i canederli. Il brodo fatto con questa ricetta si può conservare in frigo per qualche giorno oppure in frezeer“.

LEGGI ANCHE: Come preparare il dado vegetale fatto in casa

Un ulteriore suggerimento: “Mangiare sano con la dieta mediterranea è una questione di consapevolezza. Nel caso di questa ricetta significa sapere che si sta mangiando un piatto unico: una portata che contiene abbastanza carboidrati e proteine per soddisfare le esigenze di un pasto. Mancano però di fibre: di verdure nemmeno l’ombra e per quanto sano sia il brodo che ho preparato di certo non è sufficiente: meglio abbinare il giusto contorno“.

Ed ecco la ricetta.

Ingredienti:

  • 320 g di pane raffermo non condito
  • 20 g di cucchiaio di farina
  • 20 g di cipolla dorata sminuzzata
  • 100 g di pangrattato
  • 100 g di un fondello di speck in dadini
  • 1 uovo
  • 100 ml di brodo vegetale
  • prezzemolo sminuzzato
  • 1 litro di brodo vegetale

Procedimento:

  • Sminuzzate il pane raffermo con le mani o con l’aiuto di un coltello e mettetelo in una ciotola capiente.
  • In una terrina a parte versate 100 ml di brodo ed aggiungete l’uovo già leggermente sbattuto. Mescolate ed amalgamate i liquidi.
  • Versate il liquido sul pane e lasciate riposare circa 15 minuti.
  • Trascorso questo intervallo di tempo aggiungete all’impasto dadini di speck.
  • Lavorate con le mani e aggiungete il pangrattato per dare consistenza all’impasto. Lavorate ancora il composto e aggiungete infine la farina.
  • Preparate con le mani 8 palline.
  • Fai bollire 2 litri di acqua e quando raggiunge l’ebollizione aggiungete 20 g di dado fatto in casa con le verdure avanzate.
  • Cuocete i canederli per 10 minuti, poi servite caldi in brodo.
  • Per il brodo di dado vegetale fatto in casa con gli “scarti delle verdure”: fai bollire per un’ora circa le foglie esterne delle cipolle, dei cavoli, del sedano e dei finocchi. Di questi puoi aggiungere anche i gambi ed i ciuffetti verdi. Fare il dado è una buona opportunità per cuocere e riciclare anche qualche foglia di lattuga leggermente appassita: in pratica tutti i più “comuni scarti degli ortaggi”. Frulla a crema e aggiungi il sale grosso. Un cucchiaio da minestra di “dado in crema” ogni litro di acqua è una base perfetta per un gustoso ed economico brodo, perfetto tra l’altro per impastare e cuocere i canederli.

LEGGI ANCHE: Torta di mele, la ricetta per prepararla con il pane raffermo avanzato