Questo sito contribuisce all'audience di

Têtes de Bois e Musicycle lanciano i concerti a pedali

di Posted on
Condivisioni

Un concerto a pedali per i Têtes de Bois. Il gruppo, già noti tra i ciclisti per gli ultimi progetti dedicati alla magia della bicicletta, ha deciso di lanciare una sfida: un palco totalmente eco-sostenibile, senza neanche un Watt di energia elettrica. Ad alimentare gli strumenti, gli amplificatori, le luci e i video saranno, infatti, le gambe e il sudore di 128 ciclisti in sala. Giovedì 11 alle ore 19 sul palco del Cinema Palazzo (sala Vittorio Arrigoni) di San Lorenzo a Roma, è in programma la prova generale del grande spettacolo del Têtes de Bois «Un Palco a Pedali» (debutto previsto il 15 settembre a Bari). La serata è aperta a tutti, ciclisti allenati e principianti. A tutti si chiede il piccolo sforzo di pedalare a ritmo e divertirsi tenendosi in forma.

MUSICYCLE – Stesso esperimento, anche se con numeri molto ridotti, anche in Toscana. In dieci sul sellino, aspettando Elisa, la cantante più green che ci sia. Eh sì, loro, i musicisti, suonano, sul palco, e il pubblico sotto a pedalare a tutta forza. Sudati ma contenti per la prima esibizione in Italia della Banda di piazza Caricamento nello spettacolo «Musicycle». La piazza? Il Parco naturale della Maremma di Ripescia, in provincia di Grosseto, dove, l’11 agosto, dalle 17,30 in poi (fino a quando polpacci e senso del ritmo lo permetteranno) per FestAmbiente (23esima edizione che continua fino a Ferragosto) si svolgerà lo spettacolo. La forza di dieci volontari tra il pubblico permetterà di scatenare 2Kw di energia, l’ideale per l’amplificazione degli strumenti musicali. La cosa dovrebbe funzionare, anche perché Musicycle è un progetto testato già due anni fa in occasione del Womex di Copenhagen, meeting internazionale di world music, il cui scopo è quello di divulgare un’educazione rivolta alle fonti rinnovabili attraverso musica e divertimento.

PER ELISA GREEN – Fonti rinnovabili e musica sono tutto per Elisa, la cantante di Pordenone dall’anima sempre più green. Secondo un sondaggio di Legambiente sarebbe lei la preferita dagli ambientalisti a sette note. Elisa perciò ringrazia e canta, l’11 agosto a Ripescia, insieme a quattro coriste. Non è cosa di tutti i giorni che la ragazza si accompagni alle splendide voci gospel: “Lo faccio per avere una ricchezza speciale nei cori e un tocco di gospel in più”. Lei che, oltre all’anima nera, pop e folk, si è coltivata un cantuccio spirituale niente male, nella vita di tutti i giorni: “Faccio la raccolta differenziata, compro biologico, ecosostenibile e sono per un uso cosciente dell’energia e dell’acqua”. Nient’altro? “Sarei per un uso limitato dell’aria condizionata e mi piacerebbe fare un appello: vorrei una legge che ne regolarizzi l’uso”. Legambiente (o Festambiente, in Maremma) apprezza e invita.