Questo sito contribuisce all'audience di

Smog record a Pechino ritardati o annullati 155 voli

di Posted on
Condivisioni

Che l’inquinamento atmosferico sia un problema enorme per Pechino è risaputo. Che potesse arrivare a bloccare il traffico aereo stupisce. Oggi oltre 150 voli in partenza e in arrivo all’aeroporto internazionale della capitale cinese, il secondo più frequentato al mondo, hanno subìto ritardi o sono stati annullati a causa della foschia che in alcuni quartieri riduceva la visibilità a soli 200 metri.

Secondo i dati forniti dal sito dell’aeroporto, in tutto sono partiti o arrivati in ritardo o sono stati annullati 155 voli. La "nube" di smog si è dissolta con il passare delle ore, fino a sparire quasi del tutto nel primo pomeriggio.

Nonostante tutto le autorità, regolarmente accusate di sottovalutare la piaga dell’inquinamento, continuano ad assicurare che l’aria è "buona". L’ambasciata degli Stati Uniti, che calcola in modo indipendente il grado di qualità dell’aria, ha indicato che questa mattina l’inquinamento oltrepassava il livello "pericoloso", il peggiore dell’indice utilizzato dalla rappresentanza diplomatica americana. Le rilevazioni del ministero dell’Ambiente cinese si concentrano sulle polveri sottili PM10, mentre l’ambasciata Usa su quelle PM2,5 che possono penetrare a fondo nelle vie respiratorie. Venerdì scorso la municipalità di Pechino ha annunciato che da questo mese pubblicherà i dati sulle polveri sottili, una mossa che risponde alle crescenti preoccupazioni di molti cittadini.

Oltre che dalle numerose centrali a carbone, l’inquinamento a Pechino è alimentato dalle tante industrie presenti nell’area metropolitana e dal traffico automobilistico. Si calcola che nel 2011 siano arrivate sulle strade della capitale cinese altre 240.000 vetture, che sono andate ad aggiungersi ai circa cinque milioni già in circolazione.