Questo sito contribuisce all'audience di

Rinunceresti a mangiare la carne di lunedì per un anno?

Condivisioni

Rinuncereste alla bistecca una volta alla settimana per un anno? Lisa Casali sfida il mondo per salvare il Pianeta, nell’ambito delle iniziative per l’Ora della Terra 2013. Lisa si impegna a tener un corso di cottura in lavastoviglie a impatto zero, se 1000 persone rinunceranno a mangiare la carne di lunedì. Guardate il VIDEO.

Lisa Casali l’avevamo intervistata anche noi di Non Sprecare.

GUARDA ANCHE: Non si butta via niente, l’ecocucina di Lisa Casali

Ma per capire il perché della sfida, scopriamo qual è l’impatto della carne sul clima.

Le diverse preparazioni a base di carne, maiale, manzo e pollame, comportano un riscaldamento globale per ogni kg di carne fresca variabile da 3,2 o 4,6 chilogrammi di anidride carbonica equivalente (kg C02e) per il pollo e il filetto di maiale, a ben 68 kg Co2e per il filetto di manzo.
Queste differenze sono dovute alla differente quantità di cibo necessaria a far crescere di 1 kg l’animale (se per aumentare di 1 kg a un vitello servono 13 kg di mangime a un pollo ne bastano 3 kg) e ai loro metabolismi digestivi (i ruminanti emettono elevate quantità di metano, un potente gas serra).

Sul risparmio a tavola, consultate anche il nostro speciale ricco di consigli per non sprecare e spendere meno in cucina.

LEGGI ANCHE: Risparmiare in cucina, dalla spesa al menu