Video Recupero beni confiscati alle mafie: in Italia sono 13mila - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Mafie, i beni confiscati in Italia sono 13mila. Ma il rischio vero è la burocrazia | Video

Case, ville, palazzi: gestire questi immobili non è sempre semplice a causa, soprattutto, dei complicati procedimenti burocratici che ne regolano l’assegnazione e la gestione. Uno spreco di tempo e denaro.

Condivisioni

RECUPERO BENI CONFISCATI –

In Italia, al momento, esistono circa 13mila immobili che sono stati confiscati alle mafie: parliamo di case, ville, palazzi e aziende in grado di produrre reddito e lavoro per la collettività. Nei giorni scorsi, sono stati consegnati al sindaco di Palermo e ai carabinieri 530 immobili confiscati ai clan mafiosi, immobili che avranno l’opportunità di vivere una seconda vita: uno diventerà una caserma, l’altro un commissariato di polizia e così via.

UTILIZZO BENI CONFISCATI –

Dietro ai beni confiscati alle mafie, si annida però il pericolo dello spreco di tempo e denaro, legato soprattutto ai complicati procedimenti burocratici che ne regolano l’assegnazione e la gestione. Non bisogna dimenticare poi che, chi di dovere, spesso non riesce a mettere i beni confiscati in condizione di poter essere ben gestiti. Ecco perché il procuratore capo dell’antimafia Franco Roberti ha lanciato l’allarme, sottolineando l’importanza di non annaspare nella burocrazia sprecando così l’occasione di riutilizzare i beni sottratti alla criminalità organizzata.

LA STORIA: La storia di Emanuele e degli altri giovani che, con coraggio, lottano contro la mafia delle campagne

LEGGI ANCHE: A Milano è stata assegnata alle famiglie senza casa una cascina confiscata alla criminalità organizzata