Pannolini usati: l'azienda francese Suez studia un nuovo sistema per riciclarli | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Pannolini usati: l’azienda francese Suez studia un nuovo sistema per riciclarli

di Posted on

Interessante progetto quello che sta mettendo a punto l’azienda francese Suez Environnement, in collaborazione con il Centro Internazionale di Ricerca su Acqua e Ambiente (Cirsee). Si tratta di una ricerca che ha come obiettivo quello di riciclare, su scala industriale, i pannolini usati. Su Ecoblog più volte abbiamo parlato di studi, alcuni dei quali poi mai entrati nella fase di applicabilità; tale progetto sembrerebbe però essere già in una fase ben avanzata.

L’obiettivo attuale è infatti quello di raffinare il processo di riciclaggio che consiste nell’isolare meglio i diversi componenti del pannolino ovvero i materiali plastici, le fibre, i residui organici del bambini e i gel assorbenti: proprio su questi ultimi sembra si stiano incontrando numerosi problemi. Questi infatti, presenti in tutti i tipi di pannolino in forma di microsfere o capsule, sono necessari per assorbire i liquidi in quantità rilevante, ma hanno il grave difetto di non essere riciclabili.

Fra gli obiettivi del progetto, spiega il direttore del progetto Laurent Galtier, oltre alla parte prettamente scientifica vi sarebbe un lavoro di contatto con le più importanti aziende produttrici di pannolini per la sostituzione dei gel con prodotti più facilmente riciclabili. Per raggiungere risultati concreti servirà quindi ancora del tempo, tuttavia considerando che ogni bambino ne consuma circa 6.000 nei primi due anni di vita non è difficile immaginare quanto un metodo di riciclaggio efficace potrebbe effettivamente aprire un ampio mercato.

Shares

Shares