Milano troppo cara: sta diventando più costosa di Londra

Il costo della vita è diventato insostenibile. Dagli affitti ai trasporti. Una città per ricchi mentre una persona su sette vive sotto la soglia della povertà

MILANO CITTÀ INSOSTENIBILE

COSTO DELLA VITA A MILANO

Gli affitti sono i più cari d’Italia e tra i più costosi d’Europa: almeno 500 euro al mese per una stanza nella seconda cerchia della città. Il biglietto giornaliero per la metropolitana costa 7,60 euro: altro record nazionale. Milano è sempre più difficile da vivere, e sta sprecando tutte le sue qualità, trasformandosi in una mini-metropoli per ricchi. Dove le persone normali sono costrette a emigrare verso i comuni della grande periferia e persino in direzione di alcuni centri del Piemonte, piccole città come Biella, Novara e Vercelli. Tra i risultati negativi di questa metamorfosi c’è il fatto che a Milano, la città più attrattiva d’Italia e anche d’Europa, per i giovani, il 62 per cento degli under 40 spende più di quanto guadagna. Due milanesi su tre fanno prestiti per reggere il loro stile di vita, mentre gli altri attingono dai risparmi, per non essere costretti, almeno fin quando potranno, a lasciare la città.

LEGGI ANCHE: Alberi a Milano, saranno tre milioni entro dieci anni. Una rivoluzione: possiamo sognarla in tante città?

MILANO TROPPO CARA

Finora la narrazione su Milano si è concentrata tutta sulla sua crescita. Anche sfornando luoghi comuni e frasi fatte. Per esempio: che cosa significa «capitale morale del Paese»? Forse a Milano si ruba meno che in altre parti d’Italia? Forse qui c’è un’etica diversa? Non sembrerebbe, se almeno stiamo alle notizie di cronaca.

MILANO CITTÀ TRA LE PIÚ COSTOSE IN EUROPA

A forza di spingere su nuove costruzioni, compravendite e affitti, Milano si è ritrovata a essere la terza città più cara d’Europa, dopo Amsterdam e Lisbona. Prima di Parigi, epr fare un paragone, e senza confrontarsi con Londra che, dopo la Brexit, non è più considerata una città europea. Mentre altre città si stanno spopolando, Milano ha visto aumentare la popolazione di 200 mila unità nell’ultimo decennio, con un ricambio pari a un terzo  della popolazione. E anche questo ha alimentato la speculazione. Per non parlare della retorica sulla sostenibilità: gli appartamenti nel famoso Bosco Verticale firmato dallo studio dell’architetto Stefano Boeri, ai piani alti si vendono a più di 20 mila euro a metro quadrato.

FUGA DA MILANO

Ancora: Milano è una città-calamita per i giovani. Ci mancherebbe. Dove volete che vadano i ragazzi a caccia di opportunità, e con un buon curriculum di studi, e di lavoro? Certo non possono soffocare a Roma, o galleggiare tra Napoli e Palermo. Milano ha tutto, e non da oggi, per attrarre i giovani. È una piccola metropoli, con un’ottima rete di trasporto pubblico (motivo in più per aprire gli occhi di fronte ai prezzi dei biglietti della metro). Funzionano scuole e università. Nasce una start up al giorno. Arrivano a ciclo continuo società con profili internazionali che cercano manodopera qualificata e italiana.

I numeri stanno sempre più certificando la tendenza dei giovani a privilegiare Milano rispetto a qualsiasi altra città italiana. Tra il 2015 e il 2019, ovvero in appena quattro anni, i giovani tra i 18 e i 30 residenti a Milano sono cresciuti del 7 per cento. A Roma sono diminuiti del 5 per cento. Un rovesciamento delle proporzioni, considerando che Roma è ancora, almeno sulla carta, la capitale d’Italia.

COSTO AFFITTI MILANO

Proprio guardando avanti, e in particolare rispetto alla crescente domanda dei giovani, il rischio di una città insostenibile, e spaccata in due, con ineguaglianze insopportabili, è sempre più alto. Una stanza in affitto, anche per un ragazzo, in centro, costa più di 600 euro al mese. E allo stesso tempo in un solo anno, il 2019, gli sfratti sono aumentati del 600 per cento.

Milano è la città dove una persona ogni sette vive sotto la soglia della povertà, con periferie molto trascurate rispetto alle zone centrali, che sono oggetto di continue operazioni immobiliari. Cantieri che si aprono per costruire case e uffici e riqualificare interi quartieri. Operazioni a cavallo tra finanza e immobiliare con plusvalenze stellare. Ma silenzio tombale su un vero Piano casa per le zone più disagiate della città.

Che succede lungo questo trend? Semplice: si replica, in scala più ridotta considerando il numero dei cittadini, il film visto a Londra. Una metropoli cosmopolita diventata il regno prediletto di arabi e russi, con i giovani, e innanzitutto i londinesi, espulsi sempre più verso la periferia della città, a est come a ovest. Ecco: Milano potrebbe diventare la Londra italiana. Costo della vita altissimo, molta droga, tanta solitudine, distanze sociali abissali. E fuga verso le periferie,  con evidente scontentezza. Pronta a esplodere appena il ciclo vitale del denaro che gira dovesse invertirsi.

Il costo medio di un affitto a Milano è di 20 euro al metro quadrato, quasi il doppio della media nazionale (11 euro).

MILANO TRA LE CITTA’ PIÙ CARE D’EUROPA

Il percorso sul quale la città è avviata è esattamente questo. Un Rapporto firmato Ubs Price and Earnings già oggi colloca Milano al settimo posto delle città più care del mondo, una classifica che vede in testa Zurigo. Ma dove i conti non tornano è nel rapporto tra il costo della vita e gli stipendi, i salari e in generale il potere di acquisto. E infatti nella classifica per i salari, tra le metropoli di tutto il mondo, Milano precipita al posto numero 27, mentre nella classifica per il potere di acquisto è già crollata al posto numero 37. Ciò significa che la città, pur tanto cresciuta e celebrata, non è sostenibile. E farebbero bene a tenerlo presente i suoi amministratori, cercando di non limitarsi, in ogni occasione, all’auto-celebrazione del “miracolo Milano”. Anche perché un certo tipo di miracoli, in un attimo possono diventare degli incubi.

COME PRESERVARE I PICCOLI BORGHI:

  1. Salvare i borghi, dopo la legge servono i soldi dei privati. Si facciano avanti, e non solo a parole…
  2. Un progetto fotografico itinerante per salvare i borghi dell’entroterra sardo (Foto)
  3. Piccoli borghi, la lezione cilena (foto). Li salvano vecchi artigiani e giovani imprenditori
  4. L’Italia dei borghi, un patrimonio da salvare. E una meta perfetta per le vacanze di Pasqua
Torna in alto