Questo sito contribuisce all'audience di

Gli antichi percorsi

di Posted on
Condivisioni

La Sacra di San Michele e la sua montagna, il Pirchiriano: un ambiente ancora naturale straordinario, circondato da una preziosa collana di centri storici. Un patrimonio paesaggistico accessibile grazie alla millenaria rete di sentieri e stradine cui di recente si è aggiunta una emozionante Via ferrata.

Restituiti al pubblico in chiave sportiva e turistica, gli antichi percorsi che salgono alla Sacra dal fondovalle costituiscono oggi una splendida opportunità per raggiungere l’Abbazia in modo ecologico e sportivo, a piedi, in bici, a cavallo o arrampicando.

Un’occasione per conoscere una montagna sorta dalle profondità della Terra, per toccare mura fatte da rocce marine, per apprezzare i colori, i fruscii e i profumi del bosco, dove non è raro imbattersi nei camosci più “bassi” di tutte le Alpi, a soli 20 km in linea d’aria dal centro di Torino!

La giornata di sabato 4 giugno è il ripetersi di un appuntamento annuale, adatto a tutti, per salire alla Sacra in gruppo, in famiglia, o per conto proprio, da uno o l’altro dei tanti percorsi che attraversando il bosco e la montagna.

Qui, nell’ideale cornice del Sepolcro dei Monaci, dalle ore 12,30, i gazebo della Comunità Montana Valle di Susa e Val Sangone e dei Comuni di Almese, Avigliana, Chiusa San Michele, S.Ambrogio, Vaie e Valgioie, accoglieranno il pubblico per una degustazione di prodotti tipici ed un pic nic in amicizia e compagnia.

Seguirà una visita guidata della Cava d’Andrade, la cava di pietre della Sacra, con dimostrazione della scultura della pietra verde, a cura di Gianni Boschis e Frans Ferzini.