Questo sito contribuisce all'audience di

Giardini d’Italia, ecco i 10 più belli. Come visitarli in tutte le regioni del Paese (foto)

Caposcuola nell'arte di organizzare questi spazi, secondo tecniche urbanistiche, architettoniche e paesaggistiche, l’Italia dei giardini è tutta da scoprire: dal Trentino alla Liguria, dal Lazio alla Sicilia

Condivisioni

GIARDINI PIÙ BELLI ITALIA

Non solo chiese e monumenti, ma l’Italia del Bello ha un altro punto di forza, unico al mondo: i giardini. Siamo stati, nel corso dei secoli, dei veri caposcuola nell’arte di organizzare questi spazi, secondo tecniche urbanistiche, architettoniche e paesaggistiche che hanno fatto tendenza nel mondo. Siepi, fiori, viali alberati, sculture vegetali: veri e propri angoli di una raffinata cultura dell’uso del territorio.

LEGGI ANCHE: Camminare fa bene anche alle idee. Ci rende tutti più creativi e fantasiosi

GIARDINI ITALIANI

Bellezze che meritano un vero tour, molto approfondito. Ecco quindi alcuni tra i più belli: per raggiungerli e per conoscere gli orari di apertura e di chiusura, basta consultare il sito Grandi Giardini d’Italia, una rete che comprende 122 di questi spazi in tutte le regioni italiane.

PARCO GIARDINO DEI LIGUSTRI – ABRUZZO

Il parco si trova in prossimità del centro storico medievale di Loreto Aprutino, in provincia di Pescara. Realizzato con arbusti, palmizi, grandi alberi e impreziosito da scorci, vedute, sentieri e viali, è considerato uno dei giardini più belli d’Italia. Il suo nome si deve al ligustro, albero “simbolo” del complesso che viene utilizzato per creare molteplici gallerie e siepi verdeggianti in associazione all’alloro. Tra le piante di pregio presenti nel giardino ci sono alberi di bosso secolari, grandi cipressi, olmi, lecci, varietà di palme, grandi alberi di kaki, cedri, con un fitto sottobosco di erbacee e arbusti sempreverdi e da fiore.

Foto tratta dalla pagina Facebook Parco Giardino Dei Ligustri – Giardino Pittoresco

REGGIA DI CASERTA – CAMPANIA

Probabilmente il “giardino” più famoso d’Italia, il Parco Reale di Caserta, posto davanti all’omonima Reggia, è stato progettato nella seconda metà del XVIII secolo dall’architetto Luigi Vanvitelli per volere di Carlo di Borbone, figlio di Filippo V di Spagna e di Elisabetta Farnese. Composto da 122 ettari, si divide in due parti. La prima, come spiega i Grandi Giardini d’Italia, è costituita da vasti parterres, separati da un viale centrale che conduce alla fontana Margherita e dà accesso a diversi viali fiancheggiati da boschetti di tigli, carpini e lecci. La seconda, invece, inizia dalla fontana Margherita e mediante due rampe laterali, si sviluppa fino al ponte d’Ercole, dal quale parte la grande “via d’acqua”.

Foto è tratta dalla pagina Facebook Reggia di Caserta

GIARDINO DI PALAZZO DI VARIGNANA – EMILIA ROMAGNA

Questo giardino, parte di Palazzo di Varignana, a Bologna, si estende su una superficie di tre ettari, e nasce dal progetto del paesaggista Antonio Perazzi. Composto da muretti, terrazze, scale, fontane e una maestosa piscina, è un luogo molto suggestivo da visitare. La collezione arborea vanta un totale di 100 esemplari con 76 specie diverse, ed è considerata una delle più importanti in Italia.

Foto tratta dalla pagina Facebook Palazzo di Varignana

CASTELLO DELLE ROSE DI CORDOVADO – FRIULI VENEZIA GIULIA

Situato a Cordovado, in provincia di Pordenone, questo giardino può vantare due torri scudate e parte delle mura di cinta molto ben conservate. Al loro interno trovano posto una chiesa del XII secolo e il palazzo Agricola del XV secolo. Il parco, realizzato ai primi del XIX, vanta piante ormai secolari come bossi, una sophora japonica, un platano orientale, magnolie, faggi e un gelso monumentale.

Foto tratta dalla pagina Facebook Castello di Cordovado

VILLA D’ESTE A TIVOLI – LAZIO

Villa d’Este a Tivoli, in provincia di Roma, è un vero e proprio capolavoro italiano dell’arte dei giardini. Patrimonio dell’umanità Unesco, custodisce fontane, ninfei, grotte, giochi d’acqua e musiche idrauliche e come sottolinea i Grandi Giardini d’Italia, “costituisce un modello più volte emulato nei giardini europei manieristi e barocchi”. E pensare che questo capolavoro ha vissuto un lungo periodo di abbandono e di degrado, fino a quando la villa è diventata proprietà dello Stato Italiano che ha avviato un programma di restauri facendola tornare al suo vecchio splendore.

La foto è tratta dalla pagina Facebook Villa d’Este

VILLA DURAZZO PALLAVICINI – LIGURIA

All’interno di Villa Durazzo Pallavicini, a Genova Pegli, c’è un parco scenografico davvero molto suggestivo. Realizzato tra il 1840 e il 1846, su progetto dell’architetto Michele Canzio, rappresenta un’eccellenza nell’ambito del giardino storico romantico italiano ed europeo. Caratteristica unica di questo parco, che si sviluppa su 8 ettari di collina, è quella di essere strutturato su un racconto teatrale che rende la visita un’esperienza unica sotto l’aspetto storico, ma anche paesaggistico.

Foto tratta dalla pagina Facebook Villa Durazzo Pallavicini

VILLA BORROMEO VISCONTI LITTA – LOMBARDIA

Nelle vicinanze di Milano, a Lainate sorge Villa Borromeo Visconti Litta che, al suo interno, vanta un giardino all’italiana di rara bellezza. Arricchito dalle settecentesche fontane di Galatea e del Nettuno, il parco è composto da 820 alberi di 56 specie diverse. Al suo interno trova posto anche un Ninfeo di grande fascino che, grazie alla ricchezza di decorazioni e di spettacoli idraulici, è considerato l’esempio più importante e significativo dell’Italia settentrionale.

La foto è tratta dalla pagina Facebook Villa Litta Lainate

PARCO STORICO SEGHETTI PANICHI – MARCHE

Questo parco storico sorge nel territorio di Castel di Lama, in provincia di Ascoli Piceno. Il giardino, disegnato e costruito tra il 1875 ed il 1890 dal grande botanico e paesaggista tedesco Ludwig Winter, è testimonianza del grande amore dell’autore per i palmizi. Al suo interno è possibile ammirare un raro esemplare di Jubaea spectabilis, numerose Phoenix canariensis e monumentali Washingtonia filifera.

La foto è tratta dalla pagina Facebook Borgo Storico Seghetti Panichi

ISOLA BELLA – PIEMONTE

Tra i giardini più belli d’Italia non poteva mancare quello che circonda Palazzo Borromeo sull’Isola Bella, in provincia di Verbano-Cusio-Ossola. Innalzato su terrazze artificiali come un’elegante nave di pietra, questo giardino all’italiana ha un impianto scenografico. Al suo interno, il terreno e il clima lacustre hanno permesso la crescita di specie e varietà che hanno trovato sull’isola un habitat ideale. Tra queste magnifiche collezioni di rose, rododendri e camelie.

La foto è tratta dalla pagina Fcebook Isole Borromee

LE STANZE IN FIORE DI CANALICCHIO – SICILIA

A Catania c’è un giardino di 7 ettari che circonda una villa di campagna neo classica costruita nell’800. Si tratta di un parco contemporaneo, nato nei primi anni Duemila, dove si fondono circa 1000 specie di rare piante tropicali e sub tropicali. Accogliente e articolato, il giardino “Le Stanze In Fiore Di Canalicchio” è un vero e proprio percorso sensoriale che si svela poco alla volta, e che ha come filo conduttore i colori e i profumi di rampicanti e arbusti da fiore ed il rumore ritmico dell’acqua.

La foto è tratta dalla pagina Facebook Le Stanze In Fiore

COME CURARE IL VERDE IN CASA

Come ritrovare il benessere con le piante antistress: quali sono e tutti i benefici per la salute

Come proteggere le piante dal freddo: dal telo trasparente alla pacciamatura

Come potare le piante: le diverse tecniche, gli attrezzi e i periodi giusti per procedere

Orti urbani in Italia, la rivoluzione verde nelle città: i più belli (foto)