Questo sito contribuisce all'audience di

Enti locali per l’acqua bene comune il 21 gennaio

di Posted on
Condivisioni

Sala di Liegro – Provincia di Roma, Palazzo Valentini, Via IV Novembre, 119/a

Il Coordinamento Nazionale Enti Locali per l’Acqua Bene Comune e la Gestione Pubblica del Servizio Idrico, nato nel maggio 2009 a Palermo, raccoglie l’adesione di più di 150 amministrazioni, di centrodestra e di centrosinistra, uniti dalla convinzione che preservare la proprietà e la gestione pubblica dell’acqua rappresenti un principio fondamentale per il buon governo locale.

Alla luce degli sviluppi inerenti la normativa in materia di gestione del servizio idrico, in particolare l’attuazione del Decreto Ronchi e del Decreto Calderoli, è certamente di grande interesse, per tutte le amministrazioni locali, un momento di confronto e dibattito sul tema.

Programma

Ore 15.00 Apertura e saluti:

Nicola Zingaretti – Presidente della Provincia di Roma

Ore 15.15 Inizio dibattito:

Introduce e modera: Anna Maria Bigon – Sindaco di Povegliano Veronese

Interverranno tra gli altri:

Danilo Bianchi – Sindaco di Anghiari. Il Decreto Ronchi e le sue conseguenze sulla gestione dei servizi pubblici locali

Alberto Lucarelli – Ordinario di istituzioni di diritto pubblico all’Università degli studi di Napoli “Federico II”. Legislazione Nazionale e Diritto Comunitario: quale definizione dei servizi pubblici locali?

Jaime Morell Sastre – Amministratore “Consorcio provincial Aguas de Sevilla”. Esempi di forme di gestione dall’Europa

Luciano Baggiani – Presidente ANEA. L’abolizione delle Autorità d’ambito: quale il ruolo futuro delle amministrazioni locali nella gestione del servizio idrico?

Duccio Valori – Ex Direttore Centrale Iri. L’alternativa ai privati: proposte di finanziamento del servizio idrico integrato

Corrado Oddi – Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua. Il movimento per la difesa dei beni comuni e la ripubblicizzazione del servizio idrico

Esperienze di amministratori locali da diverse Regioni italiane.

Ore 17.45 Conclusioni