Questo sito contribuisce all'audience di

Datagate, siamo tutti spiati?

La situazione nel nostro Paese riguardo alla privacy online. Le risposte dell'esperto sui comportamenti da adottare quando navighiamo o pubblichiamo i nostri dati sui social network

Condivisioni

Datagate: siamo tutti spiati quando navighiamo sul web? Email personali e aziendali, chat, sistemi di messaggistica istantanea, telefonate su Skype, condivisioni di file e fotografie via Dropbox vengono costantemente monitorati dal Grande fratello 2.0. E in italia qual è la situazione? E’ possibile difendere la propria privacy senza rinunciare ai nuovi strumenti di comunicazione? In questo video l’intervista ad Andrea Rossetti, docente di Informatica Giuridica all’Università di Milano Bicocca.

LEGGI ANCHE: Facebook e minori, le regole per un corretto uso dei social

“Ogni volta che entriamo dentro un sito – spiega Rossetti – lasciamo una traccia, e questa traccia può essere eventualmente usata contro di noi”. E riguardo ai modi per difendersi eventualmente, e tutelarsi, il docente risponde: “Il più banale di tutti è quello di non pubblicare sui social network dati personali che riteniamo altamente privati, perché in realtà non si conosce quale sia il grado di condivisione concesso a Google, Facebook o Microsoft”.