Questo sito contribuisce all'audience di

Come fare la spesa risparmiando fino a 700 euro

di Posted on
Condivisioni

Riempire il frigo, tanto più in tempi di crisi, non è attività da prendere sottogamba: lo studio approfondito del carrello-base può dare discrete soddisfazione. Se avete il tempo e la voglia di prendere la lista della spesa e fare lo slalom fra i super e ipermercati della vostra città, a fine anno risparmierete in media 700 euro. Certo dipende dalla città e dai punti vendita, ma considerato un paniere di prodotti di marca fisso, l´analisi comparata fra il supermercato più caro e quello più economico merita. Ad Aosta, una dei centri più costosi in assoluto, la convenienza non supererà i 164 euro. Poca cosa, dovuta al fatto che la concorrenza in città è scarsa, ma basta spostarsi ad Alessandria per vedere che lo slalom fra iper e supermercati può fruttare fino a 1.310 euro l´anno.
Ad analizzare come la grande distribuzione si muove sul territorio ci ha pensato un´inchiesta («Spesa, alla caccia del risparmio» condotta in 949 punti e 61 città nello scorso maggio) che Altroconsumo pubblicherà sul prossimo numero. Qualche conferma e tante sorprese: fra le prime il fatto che quanto a iper e supermercati il Sud è decisamente più caro del Nord. A dominare i primi posti della top-ten delle città meno care è nettamente il Centro-Settentrione. La città nel complesso più economica è Verona, seguita da Pisa e Firenze, ma per trovare un centro del Sud (Napoli) bisogna arrivare al tredicesimo posto. Aosta a parte (fra le ultime in classifica) gli ultimi gradini sono tutti occupati da città meridionali. La colpa è della scarsa presenza della grande distribuzione e quindi della mancata concorrenza fra punti vendita: tralasciando infatti il «confezionato» e guardando solo al «fresco», spiegano gli esperti, la spesa da Roma in giù è decisamente più a buon mercato. Il gap si conferma anche mettendo a confronto la spesa nelle regioni: in Toscana, Emilia e Veneto va meglio che nelle isole.
Fra le sorprese, invece, vi è un inaspettato ritorno al «piccolo». Le cattedrali del carrello, i mega-ipermercati piazzati alla periferia dei grandi centri non è detto siano più economici del supermercato sotto casa. Guardando alla classifica che Altroconsumo ha stilato sulle singole «case» e prendendo in considerazione un carrello composto dai prodotti di marca più venduti, il supermercato più economico d´Italia è il «Galassia», presente sul territorio nazionale con soli sei punti vendita. Al secondo posto c´è un altro piccolo gruppo, U2, che fa capo alla catena «Unes». Medaglia di bronzo per Panorama seguita dagli Ipermercati Iper, Esselunga, Lecler Conad e Auchan. Agli ultimi posti della graduatoria, con aumenti medi fino al 12 per cento rispetto a Galassia, si piazzano Billa, Dimeglio e Despar, ma nella seconda metà della classifica troviamo sono anche Coop e Carrefour. Se invece si sceglie un carrello di prodotti low cost, la palma della convenienza va ai discount «Eurospin». E visto che negli ultimi dieci anni il potere d´acquisto è crollato del 7 per cento, ora il controllo della spesa merita la stessa attenzione di quello dei titoli in Borsa. http://secure-it.imrworldwide.com/cgi-bin/count?url=&rnd=1316670808157&cid=&ref=http%3A//repubblica.extra.kataweb.it/edicola/repubblica/Edizione_Giornaliera/mappe/NZ_NZ_220911_E_26.html&sr=sr1366x768:cd24:lgit-IT:jen:cky:tz2:ctna:hpna