Questo sito contribuisce all'audience di

Il cibo solidale che va dai matrimoni alle mense di carità

Il grande successo raccolto dall'associazione Equoevento, che si occupa in tutta Italia di gestire gli sprechi alimentari connessi a matrimoni ed altri eventi, trasformandoli in una risorsa per le mense di carità.

Condivisioni

ASSOCIAZIONE RECUPERO CIBO – Quante eccedenze alimentari vengono prodotte da matrimoni ed altri eventi per loro natura poco attenti alla parsimonia, e quante di queste eccedenze si trasformano in rifiuti? Difficile stabilire una cifra. Nel gennaio 2014 è nata però a Roma Equoevento Onlus, un’associazione creata da 5 ragazzi tra i 25 e i 30 anni con l’obiettivo di offrire una soluzione al problema degli sprechi alimentari connessi ad eventi come matrimoni, serate di gala, convegni, inaugurazioniIl servizio offerto da Equoevento consiste nel recupero e diretta ridistribuzione ad enti caritatevoli delle eccedenze alimentari prodotte durante gli eventi. 

LEGGI ANCHE: Last Minute contro lo spreco alimentare

UN INCREDIBILE SUCCESSO – Questa pratica solidale permette di ottimizzare tutte le risorse alimentari ed evitare che questi diventino rifiuti. Il primo “Equo-evento” è stato il Convegno Nazionale di Federnotai nell’aprile 2014, dove sono stati recuperate circa 400 porzioni di cibo a fronte di 600 invitati. Nei seguenti sei mesi Equoevento ha partecipato a circa 40 eventi tra matrimoni e convegni, raccogliendo e distribuendo oltre 7000 pasti ad enti caritativi. Il successo ottenuto è stato enorme e ha portato alla ribalta l’attività di Equoevento su giornali e televisioni nazionali, il che ha comportato una crescita esponenziale degli eventi a cui è richiesto il ritiro di cibo in eccesso da parte di Equoevento.

PER APPROFONDIRE: RecuperiAMOci, il progetto di PortAperta per ridare vita al cibo

SOLIDARIETA’ SOSTENIBILE –  A fronte della comparsa di nuove sacche di povertà, non è sopportabile che l’eccedenza diventi spreco, ma purtroppo per motivi normativi i catering ed i ristoranti non possono riutilizzare il cibo eccedente che invece può essere donato alle associazioni senza scopo di lucro grazie ad una norma detta “Legge del buon samaritano”. Equoevento ha l’obbiettivo di rendere la raccolta delle eccedenze alimentari durante gli eventi una pratica comune, oltre che sensibilizzare l’intera comunità sul tema degli sprechi alimentari. L’attività dell’associazione aiuta a distribuire a mense caritative il cibo di altissima qualità nutritiva ritirato agli eventi e al contempo a diminuire le quantità di rifiuti umidi prodotte dai catering e dalle cucine.

PER SAPERNE DI PIU’: Un forno di solidarietà, il Pane in attesa degli studenti di Padova

UNA REALTA’ IN CRESCITA – Attualmente il servizio di Equoevento Onlus coinvolge oltre 15 mense caritative, per un bacino di circa 1500 utenti, oltre a numerosi privati o aziende promotori dell’evento ed organizzatori di catering che, pur non rinunciando alla buona riuscita dello stesso, vogliano contribuire ad una causa socialmente utile. Sebbene Equoevento sia una realtà nata da pochi mesi la grande visibilità mediatica che ha ottenuto ha stimolato diverse iniziative simili. Nelle ultime settimane la Onlus è stata contattata da diverse parti d’Italia da persone determinate a voler replicare il progetto nelle loro Regioni. Entro ottobre già diventeranno operative le prime due sedi della rete Equoevento in Lombardia e Sicilia ma numerose richieste sono venute anche da Puglia, Veneto, Emilia Romagna e Liguria dove contiamo di aprire sedi distaccate entro 3-4 mesi.

LEGGI ANCHE: Cucina sostenibile e a basso costo, il progetto Scarti di Gusto

Il progetto è in concorso per l’edizione 2014 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

LEGGI ANCHE: