Questo sito contribuisce all'audience di

A Berlino si cena con i prodotti alimentari rimasti invenduti nei mercati

Condivisioni

A Berlino la frutta e la verdura rimaste invendute nei mercati non si sprecano ma diventano gli ingredienti principali per un’ottima cena solidale vegetariana. L’idea è di Sandra Teitge, gallerista e Sarah Mewes, giornalista finanziaria che, attraverso l’iniziativa, vogliono richiamare l’attenzione sul problema degli enormi sprechi di cibo all’interno dei paesi industrializzati.

Già qualche mese fa vi avevamo parlato di Tristram Stuart, il giovane scrittore inglese che dal 2009 gira il mondo organizzando ovunque i suoi “pranzi degli avanzi” in cui i partecipanti possono gustare i piatti preparati grazie ai prodotti alimentari rovinati o in via di scadenza finiti nei cassonetti dei supermercati anche se ancora del tutto commestibili.

Le cene solidali “Dinner Exchange organizzate dalle due giovani berlinesi si svolgono invece una volta al mese e sono aperte ad una trentina di convitati che si ritrovano a sedersi intorno a un unico tavolo, spesso senza essersi mai incontrati prima. Grazie alla creazione di un ambiente molto informale, l’atmosfera è più simile a quella di una cena tra amici che a quella di un ristorante. A tutti i partecipanti viene richiesta la donazione di un piccolo contributo che va dai 10 ai 15 euro, utilizzato per sostenere tutta una serie di progetti sull’emergenza alimentare.

Le cene si tengono in un centro d’arte contemporanea situato in un ex ospedale del quartiere multiculturale di Kreuzberg e a cucinare sono proprio le due ideatrici. “Vogliamo stimolare la gente a essere più creativa con i resti che hanno in frigo, a utilizzare meglio i loro bilanci”, così commentano l’iniziativa Sandra e Sarah che, per una delle ultime cene, con una mini-cucina e due piastre appena, hanno preparato un menù composto da crepes alla pesca e abbondanti insalate.

Dato il successo riscosso dalle cene, l’obiettivo immediato è ora quello di estendere il progetto all’estero: per cominciare, il prossimo mese Sandra e Sarah organizzeranno una cena a Tel Aviv.

LEGGI ANCHE: