Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Donne in bici: il documentario (video) che racconta una storia di libertà

Il film si chiama «Voglio una ruota», lo firma la regista Antonella Bianco che sta raccogliendo i fondi sul web. C’è la storia di GoBike, cicliste egiziane che sfidano la legge per circolare in bici. E la storia di Paola Gianotti, che ha fatto il giro del mondo stabilendo il nuovo record.

da Posted on
Condivisioni

VOGLIO UNA RUOTA: IL DOCUMENTARIO –

L’emancipazione della donna passa anche dalla bicicletta. Un mezzo che ancora oggi viene vietato, in alcuni paesi, alle persone di sesso femminile, che invece hanno fatto la storia della bici. In alcuni casi proprio nel nome della libertà.

Il documentario della regista antonella bianco sulle donne in bicicletta

LEGGI ANCHE: Matteo Tricarico, 100mila km in solitaria: fare beneficenza girando il mondo il bicicletta

DONNE IN BICI: IL PROGETTO DELLA REGISTA ANTONELLA BIANCO –

Adesso la regista Antonella Bianco si prepara a girare un documentario completo, con immagini da tutto il mondo, che racconterà alcune storie incredibili di donne in bicicletta. Come quella dell’italiana Paola Gianotti, che è riuscita a fare il giro del mondo in bici, superando di otto minuti il record precedente. Finora mai un’italiana era salita su questo podio, dove la numero uno era l’inglese Louise Sutherland (altra storia raccontata dalla Bianco). In Egitto, invece un gruppo di donne, sotto il titolo GoBike, combattono per avere la piena libertà di circolare in bici nel traffico caotico della grandi città egiziane, dove in realtà esiste un tacito divieto all’uso della bicicletta proprio da parte delle donne. E ancora. La storia di Anna Trevisi, giovane atleta del team Giusifredi, che lotta per il riconoscimento dei diritti, anche economici, delle donne che competono con la bicicletta.

COME CONTRIBUIRE ALLA REALIZZAZIONE DEL DOCUMENTARIO –

Dal 7 ottobre tutti possono partecipare, attraverso la formula del crowdfunding, alla raccolta dei fondi del documentario, che sarà intitolato «Voglio una ruota». Basta andare sul sito www.vogliounaruota.com dove ci sono le informazioni per sostenere il progetto.

(Nell’immagine di copertina, tratta dalla pagina Facebook dedicata al progetto “Voglio una ruota”, Eyerusalem Dino Keli, giovane campionessa etiope che corre in Italia)

PER APPROFONDIRE: Sempre più italiani scelgono la bicicletta, ma preoccupano i furti