Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Casa e azienda di paglia, così Tiziana e Toti vivono l’ecologia applicata sulle pendici dell’Etna (foto)

Lei antropologa, lui agronomo hanno dato vita ad un’azienda agricola familiare che utilizza energie rinnovabili, bioedilizia e agricoltura naturale. Con l’obiettivo di costruire “un luogo di relazioni e di apprendimento attivo”

Condivisioni

VIVERE DI PERMACULTURA

Passare dalle parole ai fatti dando applicazione all’ecologia. In certe realtà è possibile attraverso la permacultura, un metodo etico-filosofico che si basa su due principi cardine: prendersi cura della terra e prendersi cura delle persone. In questo modo, chi vi aderisce si impegna a creare sistemi ecologicamente sostenibili ed economicamente possibili. Una missione che Tiziana e Toti hanno preso alla lettera, dando vita a un’oasi green sulle pendici dell’Etna. Da sei anni, infatti, vivono nelle campagne che circondano il vulcano nella Casa di paglia felcerossa, un’azienda agricola familiare costruita interamente con materiali naturali come paglia, legno, argilla, canne e calce.

LEGGI ANCHE: Corsi per imparare a coltivare l’orto: le scuole e le associazioni che li organizzano

PERMACULTURA IN SICILIA

Tiziana è un’antropologa e Toti è un agronomo che, a un certo punto della loro vita, hanno deciso di dare forma ai loro ideali. Così, seguendo i principi della permacultura, si sono cimentati nella costruzione di un ambiente di vita sostenibile attraverso l’utilizzo di energie rinnovabili, la bioedilizia e l’agricoltura naturale. L’obiettivo era la costruzione di “un luogo di relazioni e di apprendimento attivo”, per sviluppare un turismo responsabile. I visitatori, infatti, hanno modo di godere di un ambiente in armonia con le risorse naturali disponibili, attento agli sprechi ed alla provenienza delle merci.

ECOLOGIA APPLICATA

Il loro sogno di vivere nella maniera più sostenibile possibile ha preso avvio dalla costruzione della casa principale. L’edificio, infatti, è stato realizzata interamente in bioedilizia con balle di paglia e con una struttura portante in legno. Intorno alla casa, pian piano, ha preso vita tutto un ecosistema interconnesso che gli permette di vivere, e di fare azienda, quasi esclusivamente con quello che coltivano e producono. Ovviamente la voce principale di sostentamento è l’orto ed il frutteto che coltivano con passione e preparazione. La conduzione del terreno, infatti, mira ad un miglioramento della fertilità attraverso tutta una serie di accortezze, come: l’eliminazione di interventi aggressivi sul suolo, la produzione di compost, la selezione di piante locali endogene, l’uso razionale di piccoli animali, la realizzazione di orti sinergici e la creazione di una food forest. Espedienti che, visti i sorrisi di Tiziana e Toti, danno decisamente i loro frutti.

Le foto sono tratte dalla pagina Facebook Casa di paglia Felcerossa. Permacultura sull’Etna

COME PRENDERSI CURA DEL PIANETA

Sunita Narain, l’ambientalista che in India si batte per modelli di sviluppo più ‘green’