Questo sito contribuisce all'audience di

Cani e gatti in autobus, si parte in Toscana. Poi arriveranno anche le altre regioni italiane?

Una piccola rivoluzione nel rapporto tra gli animali domestici e i mezzi pubblici. Così ci avviciniamo a Francia e Germania. Obbligo della museruola, del guinzaglio o, in alternativa, della “trasportina”.

Cani e gatti in autobus, si parte in Toscana. Poi arriveranno anche le altre regioni italiane?
Viaggiare con animali domestici
di
Condivisioni

VIAGGIARE CON ANIMALI DOMESTICI

Una piccola rivoluzione, che potrebbe cambiare in modo radicale la circolazione di cani e gatti in Italia sui mezzi pubblici. La regione Toscana, prima in Italia, ha approvato un nuovo regolamento in base al quale cani e gatti possono viaggiare in autobus. Ad alcune condizioni. Primo: non più di un animale a persona. Secondo: sempre con il guinzaglio e con la museruola o con la “trasportina”. Terzo: le regole saranno comuni a tutte le aziende del trasporto pubblico nella regione. Una scelta indispensabile, quest’ultima, in quanto finora l’accesso di cani e gatti sugli autobus in Toscana è stato lasciato all’arbitrio e alla sensibilità dei conducenti dei mezzi pubblici.

viaggiare-animali-domestici (2)

LEGGI ANCHE: Cani e gatti in vacanza, tutti i consigli per goderseli e non trascurarli

CANI E GATTI SUI MEZZI PUBBLICI

La svolta in Toscana potrebbe aprire le porte ad analoghi provvedimenti anche nelle altre regioni italiane. E ciò significherebbe allineare il nostro Paese a quanto già avviene, per esempio, nella maggiore parte delle nazioni europee come la solita Danimarca, ma anche Francia e Germania. E perfino la Grecia, dove l’unico obbligo che viene richiesto è quello di portare gli animali domestici sui mezzi pubblici sempre in una gabbietta.

VACANZE CON CANI E GATTI: TUTTO QUELLO CHE DOVETE SAPERE

Ultime Notizie: