Questo sito contribuisce all'audience di

A Venezia i cittadini si tassano per affittare un’isola dello Stato e farne un grande parco

La Poveglia è un gioiello abbandonato da quasi 50 anni. Un’associazione di veneziani ha già raccolto 450mila euro per affittarla dal demanio e creare un parco con orti urbani. Mentre si parla di introdurre il numero chiuso per i visitatori ed allentare la pressione sulla città, sono i cittadini a muoversi per salvarla

A Venezia i cittadini si tassano per affittare un’isola dello Stato e farne un grande parco
Vendita isola di Poveglia
di
Condivisioni

VENDITA ISOLA DI POVEGLIA -

Per salvare Venezia non si esclude una soluzione choc: introdurre il numero chiuso dei visitatori. Ed evitare così lo scempio di una città invasa a tutte le ore da orde di turisti (che però portano molti soldi) e sempre più abbandonata dai suoi abitanti. Il governatore del Veneto, Luca Zaia, molto popolare sul territorio, non esclude questa soluzione estrema. Ma qualche volta anche a Venezia, prima degli amministratori assenti o distratti, si muovono i cittadini. E aiutano la città a non morire. Quest’ultimi, infatti, hanno deciso di reagire di fronte all’inerzia delle pubbliche amministrazioni. Così sull’isola di Poveglia, davanti a Malamocco, la zona meridionale nei pressi del Lido dove spesso si va a vogare oppure in gita domenicale con la famiglia si sono rimboccati le maniche e hanno dato vita a un modello da imitare.

LEGGI ANCHE: Adotta un’area verde, così i cittadini curano parchi e orti nel loro territorio

COMITATO POVEGLIA PER TUTTI -

Poneglia è un gioiello di cultura e di tesori ambientali, con sette ettari di storia antichissima, un tempo coltivati dai frati camaldolesi e con alcune fortificazioni e i resti di un vecchio ospedale geriatrico chiuso già nel lontano 1968. Questo luogo magico è stato abbandonato per circa mezzo secolo, a parte una spesa di 22 milioni di euro per impedire l’erosione delle sponde. Poi è arrivato il decreto del governo Renzi, Valore Italia, con il quale alcuni beni demaniali sono stati messi in vendita. E tra questi compare anche l’isola veneziana. A quel punto un gruppo di cittadini, preoccupati che la vendita potesse spalancare le porte all’ennesima speculazione immobiliare o al solito resort a cinque stelle, si sono fatti avanti, formano un’associazione e hanno partecipato alla gara per acquistare l’isola.

PER SAPERNE DI PIÙ: A Venezia sono i cittadini a ripulire i muri dai graffiti

Ma l’associazione «Poveglia per tutti», dove centinaia di veneziani si tassano insieme a 600 stranieri amanti di Venezia, non è riuscita a vincere la gara e Poveglia rimane bene demaniale. A questo punto l’associazione propone una concessione dell’isola per soli cinque anni, per procedere, con fondi propri, alla messa in sicurezza dell’area. Con al sua trasformazione in un parco e spazio pubblico restituito ai veneziani, recuperando gli antichi orti urbani.  La proposta regge perché intanto l’associazione, attraverso il crowdfunding, è riuscita a raccogliere ben 450mila euro con oltre 5mila sottoscrizioni.

AFFITTO ISOLA DI POVEGLIA -

A questo punto la palla torna al Demanio, che ha preso tempo prima di una decisione definitiva. Ma perché aspettare e non dare spazio allo sforzo dei cittadini che, con i proprio soldi, vogliono salvare un tesoro veneziano? Forse ci sono altri interessi da difendere?

(L’immagine di copertina è tratta dalla pagina Facebook dell’associazione “Poveglia per tutti)

PER APPROFONDIRE: Grande Bellezza a Roma, adesso ci pensano i cittadini. Adottano giardini, puliscono le strade e non sprecano

Ultime Notizie: