Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Il potere ecologico della soia: ripulisce il mare dall’inquinamento

La scoperta arriva dall’università americana di Richmond: la lecitina di soia funziona come spazzino delle acque ed è biodegradabile. A questo punto può sostituire le sostanze chimiche oggi usate per disperdere gli idrocarburi.

Condivisioni

USO LECITINA DI SOIA –

C’è una nuova sostanza per combattere l’inquinamento marino: la lecitina di soia. Sì, lo stesso ingrediente sul quale ha puntato l’industria alimentare dietetica per offrire ai consumatori prodotti, come le creme, le salse e i gelati, a basso impatto calorico. Adesso la novità arriva da uno studio pubblicato sulla rivista Acs Sustainable Chemistry e realizzato da un gruppo di esperti guidati dal professore Ram Gupta, docente di biochimica alla Virginia Commonwealth University di Richmond.

LEGGI ANCHE: Plastica a mare, ne gettiamo il 5 per cento dell’intera produzione mondiale

LECITINA DI SOIA PER PULIZIA DEL MARE –

Gupta è partito dalla situazione più estrema da un punto di vista ambientale: i disastri causati dalla dispersione di petrolio in mare. Finora le sostanze utilizzate per ripulire le acque marine, in casi come questi, sono state altamente tossiche sia per le specie marine sia per l’uomo. Si poneva rimedio a un male, in pratica, con un altro male che aveva il solo effetto positivo di disperdere gli idrocarburi. «Allora ho pensato a un agente disperdente che fosse più eco-compatibile» racconta Gupta «E la lecitina di soia non è tossica mentre è biodegradabile».

FOSFOLIPIDI DI SOIA –

L’azione di spazzino del mare della soia avviene attraverso i fosfolipidi che sono sostanze in grado di frammentare le macchie di olio in parti molto piccole, quasi minuscole. E la soia è ricca di fosfolipidi tanto che la sua azione, alla prova dei fatti, è risultata immediatamente molto più efficace degli agenti chimici utilizzati oggi. Il prossimo passo è quello di arricchire la formula per la pulizia del mare e riuscire a utilizzare le qualità della lecitina di soia anche per l’inquinamento terrestre.

PER APPROFONDIRE: La bella iniziativa di un pensionato siciliano per liberare la spiaggia dai mozziconi di sigaretta