Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Il ristorante più sostenibile del mondo è The Perennial, a San Francisco (foto)

Ortaggi e verdure nei piatti serviti a tavola, sono tutti coltivati senza fertilizzanti chimici. Di ogni prodotto si conosce la provenienza. Impianto per riciclare l’acqua e un tetto fatto con il legno di sedie riciclate

Condivisioni

THE PERENNIAL RESTOURANT SAN FRANCISCO –

Il ristorante più sostenibile del mondo si trova a San Francisco, si chiama The Perennial, ed è stato aperto dalla coppia formata da Anthony Myint e Karen Leibowitz. Ma vediamo quali sono le sue regole ed i suoi segreti.

LEGGI ANCHE: Ristorante Chikù a Scampia

IL RISTORANTE PIÙ SOSTENIBILE DEL MONDO –

Tutti i piatti previsti dal menù sono fatti con la materia prima tracciabile, ovvero della quale è certa la provenienza. Per i prodotti acquistati all’estero, si preferiscono le colture perenni, ossia piante con radici profonde che restituiscono i nutritivi al terreno dove sono ospitate. Un esempio? Il Kernza, un nuovo ceppo di grano con la cui farina sono impastate le pagnotte poi servite ai clienti del locale.

Quanto alle verdure, tutti gli scarti del ristorante servono a nutrire vermi e larve, che a loro volta sfamano storioni e pesci gatto di allevamento. Gli ortaggi sono tutti coltivati senza alcun additivo chimico, ma solo con fertilizzanti naturali. Il risparmio energetico è garantito da un impianto per il riciclaggio dell’acqua e dai pannelli solari che alimentano il fotovoltaico del locale.

Perfino gli arredi sono a impatto zero: il soffitto ricicla il legno avanzato nella produzione delle sedie, la cui materia grezza è stata recuperata in una vecchia stazione abbandonata. Il tappeto è il risultato di un lavoro di intreccio di vecchie e riutilizzate reti da pesca, e il menu del locale è stampato con inchiostro bio.

SFOGLIA LA GALLERY

PER APPROFONDIRE: Cantina Josetta Saffirio

Fonte foto: Facebook The Perennials

LEGGI ANCHE: