Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

London Mastaba, la piramide costruita con i barili di petrolio dall’artista Christo nel cuore di Hyde Park. L’iconografia della nostra fine… (foto)

L’opera comprende l’assemblaggio di ben 7.506 barili di petrolio. Colorati in blu, rosa e rosso. E richiama l’antica toma di un faraone. Domani potrebbe essere la nostra tomba

Condivisioni

THE LONDON MASTABA

E’ la scultura dell’anno. Una gigantesca piramide galleggiante, formata attraverso l’assemblaggio di ben 7.506 barili di petrolio. Tutti incollati uno all’altro, tutti uniti, e tutti illuminati dai colori del blu, del rosa e del rosso.
La maxi-scultura, proposta dall’artista Christo, pseudonimo del bulgaro Christo Vladimiov Jasavev, nato nel 1935 e diventato uno dei protagonisti dalla Land Art, troneggia nel cuore di Hyde Park, il più grande parco pubblico di Londra.

LEGGI ANCHE: We are drops: una mostra collettiva di fotografia che insegna l’amore per la natura. E lo fa insieme alle scuole (foto)

the london mastaba christo

Riconoscimento editoriale: pemaLAB / Shutterstock.com

INSTALLAZIONE LONDRA CHRISTO

L’iconografia è perfino scontata: una forte sospensione, nella quale vive l’uomo, tra le leggi dell’economia e del mercato, che ancora evocano l’essenzialità del petrolio, e l’ambiente, in questo caso un parco verde, che in silenzio subisce l’invasione, ma chiede aiuto e protezione. Una poesia artistica, in forma di scultura, sulla sostenibilità.
Il titolo del lavoro è «The London Mastaba», in omaggio alla città dove è stato collocato e alla storia di un’antichissima tomba di un faraone egiziano. Già, perché una volta che la piramide diventa prigioniera del petrolio, e dei suoi derivati, la tomba non è più di una singola persona, anche ricca e famosa, ma di tutti. E Christo ce lo ricorda quasi sbattendoci in faccia, nel lago di un enorme parco, il destino che ci aspetta se non riusciamo a reagire.

(Immagine di copertina, riconoscimento editoriale: AC Manley / Shutterstock.com)

ARTE E AMBIENTE, BINOMIO INDISSOLUBILE: