Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Nasce in Olanda il primo supermercato con prodotti non imballati nella plastica

Ad Amsterdam il primo esperimento della catena bio Ekoplaza. Se funzionerà, l’obiettivo è di estendere i reparti plastic free a tutti i 177 punti vendita della catena. Il ceo Does: «Lo vogliono i consumatori».

Condivisioni

SUPERMERCATO SENZA PLASTICA

È qualcosa in più di un test. In Olanda, ad Amsterdam, è nato il primo supermercato al mondo senza plastica, dove tutti i prodotti (circa 700) vengono imballati e presentati ai consumatori in contenitori realizzati con biomateriali, vetro o metalli. L’iniziativa è della catena Ekoplaza, specializzata nei prodotti bio, in collaborazione con l’associazione A Plastic Earth, ed entro la fine del 2018 sarà estesa a tutti i 177 punti vendita nel Paese.

LEGGI ANCHE: Come ridurre gli imballaggi inutili: così produci meno rifiuti e sprechi di meno

SUPERMERCATI PLASTIC FREE

L’amministratore delegato della società, Erik Does, è deciso a scommettere sui temi ambientali e della sostenibilità. Una vera e propria scelta politica di consapevolezza e di tutela green, sintetizzata in questa dichiarazione: «Sappiamo che i nostri clienti sono stanchi di prodotti carichi di strati di plastica. I reparti plastic free sono un modo davvero innovativo di testare i biomateriali compostabili che offrono un’alternativa più rispettosa dell’ambiente agli imballaggi in plastica, si tratta di una pietra fondamentale per un futuro migliore».

La speranza è che l’esperienza di Ekoplaza diventi volano di best practice anche per il resto delle catene della grande distribuzione, proprio in un momento in cui l’opinione pubblica mondiale pare essere particolarmente sensibile al tema della tutela dell’ecosistema marino e della riduzione dell’utilizzo della plastica. L’Unione Europea ha infatti emanato recentemente numerosi provvedimenti che impongono ai paesi membri la conversione della plastica in materiali riciclabili entro il 2030, mentre la premier britannica Theresa May ha già messo in agenda politica varie misure per dismettere l’uso dei materiali plastici.

EKOPLAZA SUPERMERCATI SENZA PLASTICA

Sian Sutherland, co founder di A Plastic Heart, si dichiara estremamente soddisfatto dell’iniziativa: «Per decenni hanno venduto ai consumatori la bugia che non possiamo vivere senza plastica nel cibo e nelle bevande. Un reparto privo di plastica cancella tutto ciò. Finalmente possiamo vedere un futuro in cui il pubblico può scegliere se acquistare plastica o meno. Allo stato attuale non abbiamo scelta».

Insomma, non si tratta più di utilizzare il sacchetto riciclabile in cotone, ma dell’alba di un ripensamento radicale delle abitudini di consumo, provando a costruire un’alternativa plastic-free.

(L’Immagine in evidenza è tratta dal profilo Twitter ufficiale di Ekoplaza)

COME RIDURRE L’USO DELLA PLASTICA:

  1. Bottigliette di plastica, si allunga la lista dei paesi dove ti pagano se le restituisci
  2. Insalata e verdure, ma perché continuiamo a comprarle in buste di plastica? Paghiamo di più, e non guadagniamo tempo
  3. Cannucce di plastica per le bibite: eliminiamole. Come hanno fatto molti bar nel mondo (foto)
  4. Più fontanelle in città, e latte in vetro. La guerra di Londra contro la plastica