Questo sito contribuisce all'audience di

Sosta selvaggia, impariamo a rifiutarla. Con l’auto e con la moto, ma anche con la bici (foto)

Con il boom del bike sharing, specie in città come Milano e Firenze, esplode la guerra sulla strada e sui marciapiedi. Tutti contro tutti, dove invece dovremmo essere tutti insieme a condividere gli spazi. Con educazione e gentilezza.

Sosta selvaggia, impariamo a rifiutarla. Con l’auto e con la moto, ma anche con la bici (foto)
Sosta selvaggia
di
Condivisioni

SOSTA SELVAGGIA

Prima o poi doveva accadere. La guerra strisciante tra ciclisti, automobilisti, motociclisti e pedoni, non è mai finita, specie sulle nostre strade non sempre frequentate da persone classificabili come «civili». Ma adesso esplode, con il rischio di uno spreco enorme: di salute (la nuova mobilità è benessere, per tutti), di opportunità (guai a fermare la crescita del sistema bici) e perfino di vite umane (gli incidenti mortali con i ciclisti, in genere, vittime, sono una vergogna del Paese).

LEGGI ANCHE: Bike sharing, come si usa in tutte le città. 10 regole d’oro per scegliere il servizio giusto

SOSTA SELVAGGIA BIKE SHARING

In sintesi accade questo: più cresce il bike sharing e più aumenta il conflitto. Lo scontro tra i cittadini che utilizzano mezzi di locomozione diversi o scelgono di camminare, altra soluzione molto suggerita dalla nostra comunità di Non sprecare. Prendiamo il caso di Milano, la città più avanti in Italia nei servizi di sharing, con numeri davvero impressionanti. Ci sono ormai quasi 20mila bici disponibili nel capoluogo lombardo, a fronte però di appena 8.300 posti nelle rastrelliere. Inoltre sono sbarcate a Milano, e anche a Firenze, due società cinesi, Mobike e Ofo, che in concorrenza con le altre già presenti, come BikeMi, stanno davvero rivoluzionando il mercato. Come? Abbassando i prezzi del servizio (30 centesimi ogni mezz’ora, e senza l’obbligo di acquistare una tessera annuale che costa 36 euro), moltiplicando le bici sul territorio (le due società hanno 7 milioni di biciclette in giro per il mondo) e puntando sul meccanismo del free floating. Un’app mi dice dove si trova la prima bici disponibile, e posso così prenderla e lasciarla dove voglio, senza dovere passare per i parcheggi riservati ai mezzi del bike sharing. Per la verità, nel regolamento delle due società è scritto che i ciclisti debbano lasciare le bici in modo da «non intralciare pedoni, moto e auto».

Nella pratica quotidiana, mentre sempre più milanesi e fiorentini, come tanti italiani, scelgono la bici per circolare in città, ci sono anche i ciclisti incivili. Uomini e donne che lasciano la bici ammassata da quale parte, in mezzo alla strada, su un marciapiede. Proprio come gli automobilisti incivili che, per esempio, quando parcheggiano sotto la loro casa o sotto il loro ufficio, non si fanno problemi a salire sui marciapiedi, togliendo spazio ai pedoni e rovinando l’estetica dei luoghi, e perfino a sradicare alberi pur di parcheggiare con la tecnica del cafone arrogante, in versione in-urbana.

(L’immagine è tratta dalla pagina Facebook di Ofo Italia)

PER APPROFONDIRE: Piste ciclabili, le più belle d’Italia. Per qualsiasi passeggiata (foto)

SOSTA SELVAGGIA BICICLETTE

Prima finisce questa guerra e meglio è per tutti, ma siamo realisti: ci vorrà tempo. E bisognerà prendere tutti, i cittadini da un lato (con le relative associazioni) e le amministrazioni pubbliche dall’altro, qualche impegno da condividere. Personalmente continuo a sognare anche in Italia, specie nelle piccole e medie città, quello che ho visto applicato a Zurigo e in alcuni quartieri delle città del Nord Europa: lo shared space, ovvero lo spazio condiviso, dove convivono tutti i vari attori della mobilità, dal ciclista all’automobilista passando per i pedoni. Senza risse e senza rischiare la pelle. Questo è il futuro della nostra civiltà dello Stare insieme, il contrario dell’essere sempre divisi ed egoisti.

LEGGI ANCHE: Condividere la strada e il marciapiede con educazione? Si può. Ecco il libro che racconta lo shared space, lo spazio condiviso nelle città europee

Quanto agli impegni, le pubbliche amministrazioni farebbero bene a finirla di riempirsi la bocca con gli annunci pro-bici. In realtà servono fatti, e quindi, per esempio, più rastrelliere, a Milano come altrove, più piste ciclabili in sicurezza. A Milano, sulla carta, le ciclabili valgono 215 chilometri di percorsi vari e l’amministrazione giura di volere arrivare a 300 chilometri: ma quante possono davvero considerarsi sicure? E non ci vengano a dire che i comuni non hanno i soldi per questi interventi. Non è vero. I soldi ci sono, ma loro spesso li sprecano in altro modo, e poi, considerando la portata del fenomeno e del mutamento degli stili di vita, non sarebbe difficile coinvolgere anche soggetti privati per finanziare il miglioramento dell’offerta della mobilità in bici. Siamo o non siamo, per esempio, i primi produttori di bici in Europa? E allora, diamoci da fare per coinvolgere aziende private e altri soggetti pubblici con fisionomie private, per esempio le Fondazioni bancarie che per statuto si devono occupare anche di territorio e di qualità della vita dei cittadini, per aumentare piste, rastrelliere, percorsi, attività in bici.

PER SAPERNE DI PIÚ: Strade e piste ciclabili, ecco quali sono in Italia le più pericolose dove pedalare

SOSTA SELVAGGIA AUTOMOBILI

Non mi faccio grandi illusioni sulla capacità del nostro ceto politico di essere adeguato a questa sfida con i nuovi stili di vita, anche se vedo tanti bravissimi sindaci in Italia impegnati per il cambiamento. Ma, all’azione di stimolo e di assedio alle pubbliche amministrazioni, per inchiodarle di fronte alle loro responsabilità, noi cittadini dobbiamo aggiungere una cosa, prima e dopo. Diventare più educati, gentili, sereni, empatici, cortesi. Quando andiamo in bici, in macchina, in moto, o anche quando circoliamo a piedi. Cioè sempre. Credetemi: ci sono cose più difficili da fare insieme, e questa tra l’altro è una delle più semplici e delle più utili.

CICLISTI, PEDONI, AUTOMOBILISTI, MOTOCICLISTI: LE CHIAVI PER STARE INSIEME:

Ultime Notizie: