Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Schiaffi ai figli: l’Europa dice che si tratta di un grave errore

La Francia condannata per le punizioni corporali ai bambini. Il 25 per cento dei genitori italiani parla di «schiaffi educativi».

da Posted on
Condivisioni

SCHIAFFI AI FIGLI –

Niente schiaffi, siamo europei. Non è una battuta, ma la logica conclusione di una presa di posizione del Consiglio d’Europa che ha appena condannato la Francia perché non vieta in modo esplicito le punizioni corporali ai bambini (tranne che a scuola), considerandole una forma di inutile violenza. Così il tema dei metodi educativi, a partire dall’uso delle mani, torna di attualità, con la maggioranza degli esperti che considera le maniere forti, da parte dei genitori, un errore. Per il semplice fatto che contribuiscono ad aumentare l’aggressività e quindi la cattiva educazione dei figli.

LEGGI ANCHE: Educare senza urlare, la rabbia non serve a nulla

GLI SCHIAFFI SONO EDUCATIVI? –

Il tema è noto.  E da sempre le comunità dei genitori si dividono, grosso modo, in due schieramenti. Da una parte padri e madri convinti del fatto che un «sano ceffone» ogni tanto sia necessario, perfino indispensabile, per evitare di crescere figli bamboccioni o eterni indisciplinati; dall’altro versante i genitori che invece pensano sia giusto tenere sempre a freno le mani. E centinaia di manuali di pedagogia educativi invitano ad abbandonare la violenza, compresi schiaffi e sculacciate, in quanto forma sbagliata e controproducente di educazione. Fino al 2012, invece, il 25 per cento dei genitori italiani parlava di «schiaffi educativi», mentre adesso questa tendenza si sta ridimensionando. In famiglia ognuno ha il suo metodo. Quello che conta è il filo del dialogo con i figli, da non spezzare mai anche nei momenti più difficili. E conta tenere presente che perdere il controllo, cedendo all’attimo della rabbia con uno schiaffo, in realtà è un segno di debolezza e di impotenza. Dunque, una sconfitta per il genitore.

PER APPROFONDIRE: Come educare bene i bambini, piccole pesti a lezione di galateo