Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Ristorante Chikù, a Scampia donne napoletane e rom cucinano insieme

La cultura napoletana e quella rom convinvono a tavola. Inaugurato lo scorso novembre, nasce dall'incontro fra l'impresa sociale Kumpania e l'associazione "Chi rom... e chi no"

Condivisioni

RISTORANTE CHIKU’ –

Una realtà che fonde le tradizioni culturali e culinarie di due popoli. Il ristorante Chikù, una proposta imprenditoriale innovativa, è il luogo dove lavorano fianco a fianco, in cucina, donne napoletane e donne rom, in uno scambio quotidiano che è la forza di questo locale che ha aperto i battenti lo scorso novembre nel quartiere Scampia di Napoli.

LEGGI ANCHE: Il mio caffè buono, con una tazzina si aiuta la rete del volontariato

RISTORANTE ITALO-ROM –

Kumpania, l’impresa sociale che ha dato vita a questa realtà – prima impresa sociale gastronomica di rom e italiani, avviata a Napoli nel 2013, vincitrice di diversi premi e sostenuta come start-up da Unicredit Foundation, Fondazione con il Sud e Fondazione Peppino Vismara – è un luogo di sperimentazione, cantiere di pratiche e riflessione che vede protagonisti tutti gli abitanti del territorio. Il ristorante Chikù nasce dall’incontro di Kumpania e dell’associazione “Chi rom… e chi no“, da dodici anni impegnata nella mediazione tra rom e napoletani nel quartiere. Il locale italo-rom è aperto a pranzo e cena, fa anche un servizio di catering, e il suo spazio ospita corsi di cucina multiculturale per adulti e bambini, aperitivi, buffet, feste, percorsi enogastronomici e pedagogici.

“Proviamo a dare risposte concrete in termini di emancipazione economica, sociale e di lotta alle discriminazioni in un territorio complesso come quello di Scampia“, spiegano gli operatori di “Chi rom… e chi no”. Scampia ospita due dei campi rom, abusivi e non, più grandi della città. Napoletani e rom, due mondi che convivono da oltre vent’anni, e spesso non si parlano, da Chikù provano a incontrarsi a tavola.

APPROFONDISCI: Cantina Josetta Saffirio, azienda sostenibile al femminile da cinque generazioni