Questo sito contribuisce all'audience di

Tetra Pak: il progetto di Lucart Group per non sprecare questo prezioso materiale

Grazie a uno speciale processo produttivo privo di sostanze dannose e non inquinante, le fibre di cellulosa vengono separate dal polietilene e dall’alluminio, e poi riutilizzate per la produzione dei prodotti in carta destinati al consumo quotidiano come tovaglioli e fazzoletti.

VINCITORE
EDIZIONE 2016
Tetra Pak: il progetto di Lucart Group per non sprecare questo prezioso materiale
Riciclo Tetra Pak: il progetto dell'azienda toscana Lucart Group
di
Condivisioni

RICICLO TETRA PAK –

Riutilizzare dei componenti all’interno del Tetra Pak per produrre tovaglioli, fazzoletti ma anche pallet, righelli e occhiali: è quello che fa il gruppo industriale italiano Lucart Group, dal 1953 tra i principali produttori a livello europeo di carte monolucide, carte airlaid e prodotti tissue (articoli in carta destinati al consumo quotidiano come carta igienica, carta per cucina, tovaglioli, tovaglie e fazzoletti): attraverso il riciclo delle fibre di cellulosa presenti nei cartoni per bevande tipo Tetra Pak, realizza i prodotti in Fiberpack®. Per questa sua iniziativa in pieno stile Non sprecare, la Lucart Group si è aggiudicata il PREMIO NON SPRECARE – CATEGORIA AZIENDE “Per il valore, in termini di innovazione, di nuovi consumi sostenibili, e di economia circolare, del progetto Tetra Pak che consente di non sprecare e di riutilizzare una enorme quantità di materiale altrimenti destinato a finire nei rifiuti. Dalle bottiglie di plastica alle vecchie moquette”.

COME VENGONO REALIZZATI I PRODOTTI IN FIBERPACK –

Il processo produttivo consente di separare le fibre di cellulosa dal polietilene ed alluminio attraverso un’azione fisico-meccanica senza l’utilizzo di sostanze dannose per l’uomo e per l’ambiente. Le fibre di cellulosa vengono così adoperate per la produzione dei prodotti in carta tissue. Il polietilene ed alluminio vengono poi destinati ad altre lavorazioni, come ad esempio i pallet su cui alloggiano i prodotti in Fiberpack®. E non solo: il polietilene e l’alluminio, vengono poi impiegati anche la realizzazione dei pali da ormeggio nella laguna di Venezia, per la piattaforma galleggiante che consente l’accesso alle gondole alle persone disabili e per tanti oggetti di uso comune: penne, righelli, orologi e occhiali.

riciclo-tetra-pak-prodotti-fiberpack-lucart-group (1)

LUCART GROUP –

Un progetto importante dal punto di vista del rispetto dell’ambiente e delle risorse a nostra disposizione: i prodotti in Fiberpack® consentono di recuperare materiali che altrimenti finirebbero in discarica, contribuiscono alla riduzione delle emissioni di CO2 ed evitano il taglio degli alberi.

riciclo-tetra-pak-prodotti-fiberpack-lucart-group (2)

RICICLO DEL TETRAPAK –

Basta veramente poco per non sprecare tanti dei materiali che abbiamo in casa e che consideriamo rifiuti, dalle bottiglie di plastica alle vecchie moquette, ai tappeti e ai cuscini che non utilizziamo più. Prima di avviare correttamente alla raccolta differenziata le bottiglie ad esempio, valutate se è il caso di trasformarle in tanti originali vasi fai da te per le piante con cui decorare il giardino. Stessa cosa per i tappeti: sapete che quelli che non vi piacciono più si trasformano in originali tappetini per l’auto oppure possono essere riutilizzati per arredare il balcone?

LEGGI ANCHE: Raccolta differenziata del polistirolo, i consigli utili per riciclarlo in maniera corretta

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

PER APPROFONDIRE: Raccolta differenziata, come riciclare in maniera corretta il Tetra Pak

LEGGI ANCHE:

Ultime Notizie:

Feste di Natale a rischio rissa. 10 fronti caldi in famiglia: come evitarli

Feste di Natale a rischio rissa. 10 fronti caldi in famiglia: come evitarli

Le vacanze portano anche diverse tensioni nella coppia. Si litiga sui figli, sui regali eccessivi, sui parenti sgraditi. E in America il lunedì dopo le feste è chiamato il «Divorce day». Approfittate delle feste natalizie per riscoprire i vecchi antidoti per una buona vita insieme: la gentilezza, il piacere di corteggiare, lo scambio di parole elementari come “grazie”, “scusa”, “prego”.

continua »